app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
Ibrahimovic si ritira

Il bello di un “Ciao”

Alla fine dell’ultima partita di campionato, Milan-Hellas Verona, Zlatan Ibrahimović ha annunciato il ritiro salutando i propri tifosi, tra le lacrime di tutti i presenti
|

Ancora sport, ancora calcio, ancora lacrime, direte voi… e avete ragione.

L’addioanzi ilciao” – al pallone di Zlatan Ibrahimović resta però IL momento della scorsa domenica, dell’ultima giornata del campionato di Serie A. Il saluto al Milan era scontato, molto meno quello al calcio e alla carriera di uno dei giocatori più carismatici degli ultimi decenni. Mai come Leo Messi o Cristiano Ronaldo (nessuno è stato come loro, anche se torneremo sul punto), ma Zlatan è iscritto di diritto all’esclusivo club dei grandi. Per qualità tecniche e doti atletiche, per il suo modo di interpretare un ruolo per certi aspetti persino indefinibile in campo e soprattutto per la debordante personalità, su cui ha costruito la seconda parte della sua carriera di atleta e gettato le fondamenta di quello che potrà essere la sua vita da oggi in avanti.

Calciatore letale, uomo istrionico e profondamente divertente, Ibra. Cittadino del mondo, lui svedese, ma anche slavo e un po’ di tutti quei luoghi toccati in un lunghissimo percorso agonistico.

Maggio e giugno sono da tempo, ormai, i mesi delle lacrime sui campi da calcio: negli ultimi 10 giorni ne abbiamo viste scorrere a fiumi e ne abbiamo parlato più volte. Perché apprezziamo questa sincerità, perché in questi saluti, in queste emozioni, in questi sentimenti ritroviamo la dimensione che amiamo del calcio e dello sport. Una delle poche ancora immuni alle sovrastrutture figlie della “modernità” e dell’iperprofessionismo.

Ha pianto anche Zlatan Ibrahimović, riuscendo a ritrovare se stesso e il proprio personaggio proprio all’ultimo istante del suo discorso ai tifosi del Milan: “Ci incontreremo in giro, se sarete fortunati”. E giù una risata forzata, a nascondere un’emozione profonda e sincera.

Chiude qui e comincerà, anzi continuerà, a fare l’attore o lo showman. Decisamente meglio del finale che si sono ritagliati i fenomeni di cui sopra, sommersi da quantità imbarazzanti di petrodollari per andare a far finta di giocare in campionati improbabili e malinconici.

Anche Pelè e Beckenbauer andarono a giocare a New York – nei Cosmosa fine carriera. È vero. Eppure, quella almeno era la scommessa di portare il pallone negli Usa, c’era un’idea piena di quattrini, ma anche uno sfondo vagamente romantico. Oggi non c’è nulla, solo soldi e poco rispetto per quello che si è stato.

Tutta la vita Zlatan e il suociao“.

 

di Fulvio Giuliani

Rugby, maxi-rissa nel derby Rovigo-Padova: 62 squalificati

Rugby, sarebbe dovuta essere un’amichevole quella tra Rovigo e Padova ma non si è decisamente riv…

Non sa giocare a calcio, il padre paga 20mila euro per far esordire il figlio

Non sa giocare a calcio, il padre paga 20mila euro per far esordire il figlio che giocherà nel cl…

Ferrari, capolavoro Sainz: vince davanti a Norris e Hamilton

Vittoria capolavoro della Ferrari di Carlos Sainz. Lo spagnolo corre una grandissima gara nel Gp …

Terry Fox, il più grande eroe canadese

Il protagonista di questa storia è un ragazzo canadese di 19 anni di nome Terry Fox, il più grand…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl