app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Questione di maglia e di cuore

Il calcio dimentica la tradizione. La maglia della propria squadra del cuore è un qualcosa di intimo per un tifoso: i colori, le strisce sono simboli che non dovrebbero essere toccati. Il marketing, ossia l’esigenza di vendere sempre più maglie, stravolge questo pensiero.
|

Questione di maglia e di cuore

Il calcio dimentica la tradizione. La maglia della propria squadra del cuore è un qualcosa di intimo per un tifoso: i colori, le strisce sono simboli che non dovrebbero essere toccati. Il marketing, ossia l’esigenza di vendere sempre più maglie, stravolge questo pensiero.
|

Questione di maglia e di cuore

Il calcio dimentica la tradizione. La maglia della propria squadra del cuore è un qualcosa di intimo per un tifoso: i colori, le strisce sono simboli che non dovrebbero essere toccati. Il marketing, ossia l’esigenza di vendere sempre più maglie, stravolge questo pensiero.
|
|
Il calcio dimentica la tradizione. La maglia della propria squadra del cuore è un qualcosa di intimo per un tifoso: i colori, le strisce sono simboli che non dovrebbero essere toccati. Il marketing, ossia l’esigenza di vendere sempre più maglie, stravolge questo pensiero.
Ogni appassionato di calcio, a qualsiasi latitudine, sviluppa un rapporto simbiotico con la maglia della squadra del cuore. È qualcosa di intimo, che non si può spiegare razionalmente: i colori, la maglia sono qualcosa di sacro. Laicamente parlando, si intende. Non si toccano (non si dovrebbero toccare) le strisce verticali bianconere, nerazzurre e rossonere, il leggendario granata, il glorioso rossoblù verticale, l’azzurro del cielo, il celeste, le bande orizzontali bianche rosse e nere su sfondo blu, la grande fascia rossa su sfondo bianco, il rosso vermiglio, il blaugrana, il biancorosso verticale, la fascia obliqua rossa su fondo bianco e il giallo sul blu. Potremmo andare avanti all’infinito, solo che il marketing – vale a dire l’esigenza di vendere sempre più maglie, più volte all’anno – ha stravolto tutto questo. Giocando sulle seconde e terze divise da gioco e arrivando infine a intaccare la suddetta sacralità della ‘prima maglia’. Il vestito del cuore di tanti di noi. In Italia e in Inghilterra, le regole volute dalle Federazioni per porre un limite a questa deriva e al salasso dei portafogli dei tifosi sono nel mirino di chi vorrebbe una totale deregulation. Anche nei grandi quotidiani sportivi non ci si preoccupa troppo della storia. Da parte nostra, non amiamo l’idea della resa all’andazzo generale, perché ignorare la tradizione significa disprezzare i sentimenti di milioni di persone. Un gioco che può rendere molto nell’immediato, ma trasformarsi in un boomerang allentando l’empatia tifoso-squadra.   di Diego de la Vega

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Il bagno di mezzanotte dei calciatori del Cagliari per festeggiare la salvezza raggiunta in Serie A

20 Maggio 2024
Per festeggiare la salvezza, i calciatori del Cagliari sono andati nella splendida spiaggia del …

Il campione olimpico di Whistler Giuliano Razzoli si ritira: “Lascio sereno”

20 Maggio 2024
È ufficiale: Giuliano Razzoli, campione olimpico di Whistler, si ritira. Lo fa da campione dopo …

La coppia della domenica

20 Maggio 2024
Le azzurre Sara Errani e Jasmine Paolini vincono il titolo femminile di doppio agli Internaziona…

Verstappen trionfa, la Red Bull è lui. Leclerc terzo

19 Maggio 2024
Vince ancora Verstappen. Anche se la Red Bull oggi a Imola – senza Adrian Newey ai box – è stata…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI