app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
riflettori stadio

Riflettori accesi negli stadi di Serie A, ma fuori c’è il sole

La crisi energetica incombe, eppure gli stadi di Serie A vengono illuminati dai riflettori, anche quando c’è la luce del sole. Tutta colpa del regolamento.
|

Riflettori accesi negli stadi di Serie A, ma fuori c’è il sole

La crisi energetica incombe, eppure gli stadi di Serie A vengono illuminati dai riflettori, anche quando c’è la luce del sole. Tutta colpa del regolamento.
|

Riflettori accesi negli stadi di Serie A, ma fuori c’è il sole

La crisi energetica incombe, eppure gli stadi di Serie A vengono illuminati dai riflettori, anche quando c’è la luce del sole. Tutta colpa del regolamento.
|
|
La crisi energetica incombe, eppure gli stadi di Serie A vengono illuminati dai riflettori, anche quando c’è la luce del sole. Tutta colpa del regolamento.

Inter-Salernitana, domenica, ore 12:30. Dal momento che Milano non si trova in nessuno dei due circoli polari artici, né in Norvegia, gode della luce del sole che bacia i tifosi della Curva Nord, che hanno addirittura un po’ caldo. Il manto erboso si vede perfettamente, così come  le azioni e la palla che rotola. Eppure, i riflettori di San Siro sono accesi.

In linea di massima uno stadio può consumare fino a 20.000 kWh a partita. Per intenderci: l’energia sufficiente a far funzionare circa dieci case per un anno intero, fermo restando che gran parte dei consumi viene generata proprio dall’illuminazione.

Vivere una partita allo stadio è un po’ come stare fuori dal mondo, ma dimenticarsi del caro bollette che ogni giorno morde alle caviglie di famiglie e imprese, è da iperuranio. E in effetti, non sono i club a scegliere di di tenere accesi dei riflettori inutili. Questa mossa sarebbe controproducente anche da un punto di vista economico, visti gli ingenti costi. È il protocollo della Lega Serie A a prevedere che i riflettori restino accesi durante le partite, senza fare distinzione tra giorno e notte, luce e buio.

Ciò significa che lo scenario si verifica su ogni campo della massima serie. E il fatto che questo accada anche a Milano, dove il sindaco Beppe Sala ha appena annunciato la riduzione dell’illuminazione stradale di un’ora –  nonostante i problemi di sicurezza pubblica ormai noti alle cronache – fa ancora più rumore.

Basterebbe cambiare il regolamento e adattarlo repentinamente alla realtà. Ma l’elasticità non è una prerogativa della burocrazia italiana, neanche nella terra del pallone. Quindi si continua a divorare energia come se nulla fosse.

Vizi da Prima Repubblica, nell’era della sostenibilità. Gli aggettivi che spesso vengono affiancati a questa parola (“ambientale”, “ecologica” , “economica”) spostano l’attenzione dal sostantivo. Ma la sostenibilità è, ed è sempre stata, un approccio mentale prima che pratico: qualsiasi azione ha delle conseguenze, utilizzare risorse che non sono nella propria disponibilità, per lo più senza che sia necessario, genera danni. Per questo bisogna compiere azioni che il soggetto possa davvero sostenere, senza inficiare su altro, ché sarebbe troppo facile. Un concetto simile alla meritocrazia, questa è la sostenibilità.

Ed è ora che la burocrazia diventi snella e si adatti alla realtà: non ci si può permettere di sprecare più nulla. Neanche il tempo.

Di Giovanni Palmisano

Il regno di Lebron James

Lebron James è il miglior marcatore della storia della Nba ma il suo è un regno ventennale, c…

Tifare sì ma in silenzio

Le responsabilità dettate dalle professioni che si svolgono non sono tutte uguali. E il caso Sant…

L’eterno Kazu Miura torna a giocare in Europa a 56 anni

A 56 anni l’attaccante giapponese Kazu Miura, ex Genoa, firma un nuovo contratto e torna a giocar…

Zaniolo e non solo, fuori di pallone

Zaniolo inseguito sotto casa, assente agli allenamenti e ora costretto a restare alla Roma. E poi…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl