app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Danni alla produzione, dalle auto alle PlayStation

Il fenomeno della carenza di chip a causa di problemi produttivi e logistici sta investendo le maggiori aziende a livello mondiale. Nissan produrrà 500mila veicoli in meno, General Motors ha dovuto interrompere parte della sua produzione e Apple ha dichiarato che la carenza di chip avrebbe influito sulle vendite dei suoi telefoni e tablet.
|

Danni alla produzione, dalle auto alle PlayStation

Il fenomeno della carenza di chip a causa di problemi produttivi e logistici sta investendo le maggiori aziende a livello mondiale. Nissan produrrà 500mila veicoli in meno, General Motors ha dovuto interrompere parte della sua produzione e Apple ha dichiarato che la carenza di chip avrebbe influito sulle vendite dei suoi telefoni e tablet.
|

Danni alla produzione, dalle auto alle PlayStation

Il fenomeno della carenza di chip a causa di problemi produttivi e logistici sta investendo le maggiori aziende a livello mondiale. Nissan produrrà 500mila veicoli in meno, General Motors ha dovuto interrompere parte della sua produzione e Apple ha dichiarato che la carenza di chip avrebbe influito sulle vendite dei suoi telefoni e tablet.
|
|
Il fenomeno della carenza di chip a causa di problemi produttivi e logistici sta investendo le maggiori aziende a livello mondiale. Nissan produrrà 500mila veicoli in meno, General Motors ha dovuto interrompere parte della sua produzione e Apple ha dichiarato che la carenza di chip avrebbe influito sulle vendite dei suoi telefoni e tablet.

Ci sono chip in quasi tutto ciò che possiedi, dal telefono al computer alla tua auto. Ci sono anche in oggetti che non ti aspetteresti, come la lavatrice, lo spazzolino elettrico e il frigorifero. Ma queste minuscole parti che ‘muovono’ la nostra vita sono ora in quantità criticamente scarse.

Patrick Penfield, professore presso la Syracuse University, dice che non abbiamo mai visto un fenomeno di questa portata, con un impatto così immenso sulla vita quotidiana.

Per farvene capire la portata vi do alcuni dati: a causa della carenza di chip Nissan produrrà 500mila veicoli in meno mentre General Motors ha dovuto interrompere parte della sua produzione di camion e furgoni e ha persino parcheggiato migliaia di veicoli che non possono essere completati. Il ceo di Apple, Tim Cook, ha avvertito i ‘clienti’ che la carenza di chip avrebbe influito sulle vendite dei suoi telefoni e tablet, cosa che sta puntualmente accadendo, per non parlare delle console PlayStation 5 e Xbox Series X che restano introvabili nonostante siano uscite già da un anno sul mercato.

Perché accade tutto questo? I motivi sono diversi ma i principali sono produttivi e logistici. Il presidente Biden sta spingendo per investire nella produzione americana di chip, chiedendo un investimento di 50 miliardi di dollari al Congresso, ma la costruzione di impianti richiede anni e al momento Taiwan è il principale produttore al mondo di questi preziosi componenti elettronici. La ventilata possibilità di una sua invasione da parte della Cina mette a rischio l’accesso americano alla tecnologia.

I cinesi sono alla disperata ricerca di una propria industria dei chip e faranno di tutto per averla e ottenere di conseguenza il predominio tecnologico.

Ma il problema riguarda anche la logistica delle merci. Il 90% dell’elettronica mondiale passa attraverso il porto cinese di Yantian, che ha chiuso per diverso tempo a causa della pandemia, lasciando centinaia di container ship in attesa di attraccare. Una volta riaperti i traffici, si sono così creati micidiali colli di bottiglia a causa dell’accumulo di articoli in attesa di essere spediti.

Da un certo punto di vista siamo di fronte al fallimento del sistema di globalizzazione che ha permesso all’Occidente di arricchirsi in questi decenni. L’esportazione delle tecnologie produttive e della produzione stessa di ogni cosa ci ha portati a essere del tutto dipendenti da chi le cose le fa e le sposta, letteralmente. S’impone come urgente un ragionamento più concreto sulla produzione e non soltanto sui servizi.

 

Di Rudy Bandiera

Digitale buono e farlocco nelle classi e all’università

L’intelligenza artificiale è pronta a leggere, scrivere e far di conto al posto di ogni singolo s…

ChatGPT e l’intelligenza artificiale da conoscere, non da temere

Forse abbiamo già interagito con un post scritto da ChatGPT, credendo che dietro ci fosse una per…

Storie che conquistano

Videogame – vi consigliamo le avventure interattive più emozionanti. Ecco perché giocare a “A Pla…

L’umanità aumentata

Quando parliamo di realtà aumentata, immaginiamo occhialini, visori e smartphone ma in realtà è m…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl