app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
la Crusca Facebook

Anche la Crusca le busca

Che l’Accademia della Crusca sia stata improvvisamente oscurata da Facebook fa sorridere. Deficienza artificiale
|

Anche la Crusca le busca

Che l’Accademia della Crusca sia stata improvvisamente oscurata da Facebook fa sorridere. Deficienza artificiale
|

Anche la Crusca le busca

Che l’Accademia della Crusca sia stata improvvisamente oscurata da Facebook fa sorridere. Deficienza artificiale
|
|
Che l’Accademia della Crusca sia stata improvvisamente oscurata da Facebook fa sorridere. Deficienza artificiale

In quasi quattro secoli e mezzo di storia non sarà certo la prima volta che qualcuno tenta di imbavagliare la più prestigiosa, dotta e consultata istituzione della lingua italiana. Ma se da un lato non stupirebbe venire a conoscenza di censure e mordacchie imposte in epoche buie, apprendere che l’Accademia della Crusca era stato improvvisamente oscurata da Facebook perché il suo profilo ufficiale avrebbe potuto “contenere immagini forti” (sic) fa sorridere. Superata l’iniziale incredulità, restano i fatti: l’ultimo post fino a ieri, quando la pagina è stata riattivata, risaliva al 21 dicembre. Da allora per gli amministratori della pagina non c’era stato verso di pubblicare altro. Chi aveva provato ad accedere si era ritrovato di fronte il messaggio di allerta che ci si sarebbe aspettati da un ricettacolo di contenuti per adulti, non da un salotto virtuale in cui ci si confronta sul congiuntivo, si chiedono lumi sui plurali e si dibatte a colpi di sintassi.

Dalla Crusca dicono di aver chiesto spiegazioni ma di non aver ottenuto risposta. E con la misura e l’eleganza che li contraddistingue, avevano presunto fosse dipeso dalle bizze di qualche algoritmo fermatosi alla quinta elementare e segnalano un qual certo sbigottimento unito a preoccupazione e dispiacere «per non poter raggiungere, come di consueto, i nostri lettori su quel canale». Per la verità, c’era già stato un precedente confortante: un black-out ci fu anche a giugno dello scorso anno, ma si risolse nel giro di 48 ore. Qui solo dopo tre settimane. Deficienza artificiale.

di Valentino Maimone 

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Bambini nati nel mondo digitale, la sfida della formazione

Il digitale ha sconvolto praticamente tutti gli ambiti della nostra esistenza: scuola, istruzione…

Videogiochi e odissee fantastiche dalla Terra al cosmo

I videogiochi sono da sempre una forma d’arte capace di trasportare i giocatori in viaggi indimen…

Assortimenti interattivi: ruoli, enigmi e strategia

I videogiochi offrono certamente un vasto assortimento di esperienze interattive e la continua va…

Musk, primo chip Neuralink innestato nel cervello umano

L’annuncio di Elon Musk: è stato innestato questa mattina nel cervello umano il primo chip Neural…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI