app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Il dramma al di là delle leggi

Il bimbo in coma irreversibile. La vicenda racconta quanto sia opposto quello che avviene in Gran Bretagna rispetto all’Italia, dove le battaglie legali vengono intraprese da chi vorrebbe la sospensione dei trattamenti. Non viceversa

|

Due Paesi che si regolano in modi opposti, al centro il dramma di chi non ha più speranze. La Corte d’Appello di Londra ha respinto il ricorso dei genitori di Archie, il bimbo di 12 anni in coma irreversibile dallo scorso aprile, quando fu trovato impiccato in casa forse a seguito di una folle sfida lanciata in Rete. Per i medici non vi sono possibilità di guarigione e lui è stato tenuto in vita con la ventilazione artificiale. Per questo hanno chiesto di staccare la spina. Ma i genitori si sono opposti. Per i giudici che hanno emesso ieri la sentenza l’interesse da tutelare è però quello del minore e tutelarlo significa sospendere tutti i trattamenti. L’avvocato della mamma e del papà di Archie ha già fatto sapere che ricorrerà alla Corte europea dei diritti dell’uomo.

Questa vicenda racconta quanto sia opposto quello che avviene in Gran Bretagna rispetto all’Italia, dove le battaglie legali vengono intraprese da chi vorrebbe la sospensione dei trattamenti. Non viceversa. Comunque la si pensi su un tema assolutamente delicato e complesso, quello che accomuna tutte queste storie è il dramma di chi non ha più speranze così come di chi è accanto a queste persone. E nel caso di un bambino, il tutto è se possibile ancora più terribile. Come è invece umanamente comprensibile, al di là di ciò che accade in un’aula di tribunale, il disperato aggrapparsi di due genitori alla vita del loro figlio, anche se in coma irreversibile. Anche se per la medicina quel bambino non ha più speranze

Di Annalisa Grandi

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl