app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
Tortora

Tortora non riposa in pace

Enzo Tortora moriva oggi, nel 1988. I frutti maturi della sua politica sono stati lasciati marcire e, trentaquattro anni dopo, si è stati costretti a chiamare al voto referendario sulle stesse riforme.

|

Tortora non riposa in pace

Enzo Tortora moriva oggi, nel 1988. I frutti maturi della sua politica sono stati lasciati marcire e, trentaquattro anni dopo, si è stati costretti a chiamare al voto referendario sulle stesse riforme.

|

Tortora non riposa in pace

Enzo Tortora moriva oggi, nel 1988. I frutti maturi della sua politica sono stati lasciati marcire e, trentaquattro anni dopo, si è stati costretti a chiamare al voto referendario sulle stesse riforme.

|
|
Enzo Tortora moriva oggi, nel 1988. I frutti maturi della sua politica sono stati lasciati marcire e, trentaquattro anni dopo, si è stati costretti a chiamare al voto referendario sulle stesse riforme.

Enzo Tortora moriva oggi, nel 1988. Sul suo cippo funerario è scritto «Che non sia un’illusione». È andata invece come peggio non si poteva: i frutti maturi della sua lotta politica sono stati lasciati marcire nell’indifferenza colpevole di un Parlamento ignavo quando non tremebondo al cospetto della corporazione togata. Quanto alla stampa e alle tv, il ricordo a intermittenza che ne fanno è stucchevole, niente altro che uno stanco tributo alla loro cattiva coscienza. Consola che se fosse morto oggi, nel 2022, non gli sarebbero stati risparmiati partiti vuoti di idee e di cultura garantista, il vomito dei social e l’assenza di Pannella, Sciascia, Montanelli, Biagi e Bocca. Nel frattempo almeno 30mila altri innocenti sono stati inghiottiti nell’incubo. Trentaquattro anni dopo si è stati costretti a chiamare al voto referendario sulle stesse riforme (se ne parlerà oggi davanti a Montecitorio in una maratona oratoria organizzata dalla sua compagna Francesca Scopelliti) e la magistratura associata si è definitivamente screditata. No, Enzo non riposa in pace.

di Vittorio Pezzuto

Italiani residenti all’estero e Italia assetata di lavoratori stranieri

Quasi 6 milioni sono gli italiani residenti all’estero, oltre un decimo della popolazione. Tanti …

L’occasione persa da Meloni sul caso Donzelli-Delmastro

Giorgia Meloni non ha “castigato” i due gemelli dell’autogol Donzelli e Delmastro. Così, ha perso…

Rete unica, Stato irretito

Se il governo s’incaponisse a volere la rete unica e italica, si troverebbe in una brutta trappol…

L’Italia degli Insegno

Il manifesto è Pino Insegno, attore-feticcio di Fratelli d’Italia, che ormai passa le giornate a …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl