app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Prezzi estate

Caro prezzi estate 2023: a p(r)ezzi

Caro prezzi estate 2023: è un’estate ormai iniziata sull’onda di forti polemiche legate al caro ombrelloni, al caro voli, al caro mare, al caro tutto
|

Caro prezzi estate 2023: a p(r)ezzi

Caro prezzi estate 2023: è un’estate ormai iniziata sull’onda di forti polemiche legate al caro ombrelloni, al caro voli, al caro mare, al caro tutto
|

Caro prezzi estate 2023: a p(r)ezzi

Caro prezzi estate 2023: è un’estate ormai iniziata sull’onda di forti polemiche legate al caro ombrelloni, al caro voli, al caro mare, al caro tutto
|
|
Caro prezzi estate 2023: è un’estate ormai iniziata sull’onda di forti polemiche legate al caro ombrelloni, al caro voli, al caro mare, al caro tutto
Stessa spiaggia, stesso mare, prezzi più alti. È la fotografia di un’estate ormai iniziata sull’onda di forti polemiche legate al caro ombrelloni, al caro voli, al caro mare, al caro tutto. Prima di lasciarsi andare alla rabbia – rigorosamente da smaltire sorseggiando cocktail all’happy hour in riva al mare di una delle affollatissime località alla moda – converrebbe riavvolgere il nastro. Un anno fa, di questi tempi, eravamo comprensibilmente preoccupati per il caro energia: i primi mesi della folle guerra d’aggressione russa all’Ucraina avevano spinto il fronte energetico in terra incognita. C’era chi preconizzava il collasso del nostro sistema produttivo e un inverno al gelo. Lavorando seriamente e muovendosi con tempi guardati con ammirazione e forse un pizzico d’invidia nel resto d’Europa, l’Italia è riuscita a mettersi al riparo dalle temute conseguenze, almeno da quelle più dirompenti. L’Unione europea è arrivata un po’ dopo, accumulando un certo ritardo sul tetto al prezzo dell’energia e sugli acquisti comuni (sul modello vaccini) originariamente proposti dall’allora presidente del Consiglio Mario Draghi. Comunque sia, alla fine l’Ue è riuscita a muoversi in modo coordinato, cominciando ad attrezzarsi per un cambio di strategia complessivo sulle fonti di energia e sui Paesi fornitori. Tanto è vero che i prezzi del gas – grande spauracchio di 12 mesi fa – e in generale delle materie prime calano da mesi. Nonostante questo, i consumatori guardano attoniti costi e tariffe che continuano ad aumentare o che fanno una fatica enorme a scendere con quegli scatti repentini che non mancano mai non appena petrolio, gas e compagnia schizzano verso l’alto. Il caso dell’estate 2023 minaccia così di essere quello delle tariffe aeree, esplose lungo le tratte sia squisitamente turistiche sia più business. Tabelle alla mano, non c’è alcuna correlazione con i prezzi dei carburanti, tutti in calo. Eppure paghiamo qualsiasi biglietto e per qualsiasi destinazione molto più di un anno fa: si stima una media del +35% nei mesi estivi. Si è persino mosso “Mister prezzi”, figura ai confini del mito che siamo pronti a scommettere molti consumatori manco sapevano esistesse. Ha minacciosamente chiesto alle compagnie aeree di fornire «spiegazioni» entro 10 giorni. Possiamo anticiparvi che queste ultime arriveranno puntuali, verbose e articolate ma anche che, al termine della pensosa analisi, le tariffe non caleranno di un euro. Trainato da una domanda spettacolare (cosa che ci fa assolutamente felici, indice di una bella voglia di vivere e viaggiare), il settore sta rientrando dalle sofferenze accumulate negli scorsi anni, approfittando anche di una realtà di fatto che si è venuta a creare nei cieli d’Europa. Siamo stati e restiamo fra i primi tifosi del modello economico low cost, che ha permesso a un’intera generazione di viaggiare in libertà, a prezzi un tempo impensabili e di considerare casa l’intera Europa. Questo è un merito storico che nessuno potrà scalfire. Oggi due compagnie, Ryanair e EasyJet, detengono un sostanziale duopolio della gran parte delle rotte turistiche e, per quanto descritto poco sopra, l’effetto non può che essere doloroso per le tasche dei cittadini-consumatori. Da parte loro, le compagnie ‘tradizionali’ si adeguano agilmente all’andamento dei prezzi, ma di fatto non costituiscono più da tempo una concorrenza su decine di tratte. Ecco, la concorrenza: unica medicina realmente efficiente quando si tratta di combattere la febbre dei prezzi, aggredendo alla radice il problema. Accompagnata da poche ma efficaci norme antitrust e relativi monitoraggi: basti confrontare quanto pagavamo la telefonia dieci anni fa rispetto a oggi. Non ci riferiamo soltanto agli aerei: si fa un gran parlare di caro spiagge e ci si strappa i capelli sulla battigia, peccato che un altro anno sia passato senza che si sia fatto nulla. Siamo ancora qui a favoleggiare di censimenti delle concessioni balneari, con il risultato che per farci il bagno pagheremo più di un’estate fa e usufruendo di un serviziobene che ci vadadel tutto uguale.   di Fulvio Giuliani

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Luis e Flora, storie d’amore d’altri tempi e altro calcio

25 Maggio 2024
Ho scoperto una storia che colpevolmente non conoscevo nei dettagli: quella della meravigliosa f…

I ragazzi italiani che non t’aspetti

24 Maggio 2024
Sono più liberi dei loro genitori, sono la generazione delle app, della tecnologia che rischia d…

La fuga dei prof da Milano e le verità scomode

24 Maggio 2024
Quasi 800 insegnanti di scuole medie e superiori hanno lasciato Milano per tornare nelle loro pr…

32 anni fa la strage di Capaci, Mattarella: “mafia sempre in agguato, destinata a finire”

23 Maggio 2024
Era il 12 maggio del 1992 quando il giudice Falcone ricevette il pizzino con cui (con molta prob…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI