app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Cultura e doppio standard

L’articolo su ‘Linkiesta’ di Guia Soncini evidenzia come le nostre simpatie e antipatie siano guidate dalla tifoseria politica cui apparteniamo.
|

Cultura e doppio standard

L’articolo su ‘Linkiesta’ di Guia Soncini evidenzia come le nostre simpatie e antipatie siano guidate dalla tifoseria politica cui apparteniamo.
|

Cultura e doppio standard

L’articolo su ‘Linkiesta’ di Guia Soncini evidenzia come le nostre simpatie e antipatie siano guidate dalla tifoseria politica cui apparteniamo.
|
|
L’articolo su ‘Linkiesta’ di Guia Soncini evidenzia come le nostre simpatie e antipatie siano guidate dalla tifoseria politica cui apparteniamo.

In un bell’articolo pubblicato su “Linkiesta”, Guia Soncini fa notare l’incredibile faziosità che contamina la campagna elettorale. L’ultimo esempio di doppio standard – o “due pesi e due misure”, come si diceva una volta – sono gli insulti piovuti su Giorgia Meloni per aver postato il video di uno stupro già pubblicato da “La Stampa” (sin dalla prima pubblicazione nessuno si era posto il problema del consenso della vittima di un reato) e le lodi ricevute da Pippo Civati per aver ripubblicato un video di cittadini milanesi in coda alla mensa dei poveri. Nel primo video il volto della donna stuprata era oscurato, nel secondo i volti dei poveri erano in chiaro. Perché insulti in un caso, lodi nell’altro? La risposta di Guia Soncini è che siamo accecati dalle nostre simpatie e antipatie, a loro volta guidate dalla tifoseria politica cui apparteniamo.

Temo che le cose stiano anche peggio. A essere colpiti dal doppio standard non sono solo i gesti politici, come quelli di una campagna elettorale, ma anche quelli artistici e culturali, persino quando i loro autori sono morti da un pezzo.

Un bell’esempio è fornito dalla pretesa di giudicare le opere del passato in base alla vita dei loro autori, setacciata ai raggi X in base agli standard etici del momento. Nel 2019, alla National Gallery di Londra, i dipinti di Gauguin sono stati contestati e giudicati indegni di essere esposti perché quando si era rifugiato a Tahiti aveva convissuto con una ragazza del luogo quattordicenne, da cui aveva anche avuto un figlio. Qui il punto di vista che squalifica senza appello i dipinti di un artista è una sorta di femminismo retroattivo, ringalluzzito dal MeeToo, incapace di collocare le opere nel loro tempo (fine Ottocento) e nel luogo in cui sono state concepite (le isole della Polinesia). Ma il caso di Gauguin è ancora fra i più innocenti, perché la politica c’entra molto alla lontana. Gauguin non era di destra o di sinistra, perché della politica non gli importava nulla.

I casi interessanti sono quelli in cui la tagliola che squalifica l’opera di un autore in base ai suoi costumi sessuali è regolata in base alle convinzioni politiche dell’autore stesso. Per un motivo analogo a quello addotto nel caso di Gauguin (aver avuto una moglie minorenne), la statua di Indro Montanelli a Milano è stata fatta oggetto di ripetuti scempi ed è tuttora bersaglio di polemiche politiche e pseudo-intellettuali. Come nel caso di Gauguin, le accuse si sono intensificate dopo lo scandalo Weinstein e il MeeToo (2017). Qui però la matrice degli attacchi non è solo femminista ma è politica, perché Montanelli è stato fascista, è un grande giornalista ma ha la colpa di essere un conservatore.

Si potrebbe pensare che, in materia di politicamente corretto applicato alle opere del passato, la faziosità sia una esclusiva della sinistra. Non è così. Un paio di anni prima del MeeToo, una polemica feroce investì l’opera del grande poeta cileno Pablo Neruda, premio Nobel per la letteratura nel 1971. Nella sua autobiografia “Confesso che ho vissuto” (uscita postuma nel 1974, a un anno dalla morte) qualcuno, a distanza di 40 anni, ebbe a notare un passaggio in cui il grande poeta raccontava uno stupro (o perlomeno un rapporto non consensuale) da lui consumato ai danni di una giovane donna Tamil, nera, povera e della casta paria. In questo caso gli attacchi trovarono schierati sul medesimo fronte femministe cilene e politici di destra, ostili alla proposta di intitolare a Neruda l’aeroporto di Santiago del Cile. A difesa del sommo poeta, comunista e perseguitato politico si schierò invece la sinistra, esattamente come – nel caso degli attacchi a Montanelli – a difendere il nostro più grande giornalista, conservatore e a suo tempo gambizzato dalle Brigate Rosse, si era schierata la destra.

Morale della favola: nessuna opera del passato è al sicuro, meno che mai se il suo autore è classificabile come di destra o di sinistra.

Di Luca Ricolfi

Fedez, che imbarazzo

Soltanto tanto imbarazzo per Fedez che nella vicenda Emanuela Orlandi farebbe bene a tacere

Dietro quelle sbarre

La verità è che nel sistema carcerario italiano ci sono problemi enormi da anni, a cominciare dag…

Il coming out è un obbligo?

Quello che è successo al Liceo Classico di Ferrara ha avuto un grande eco

Gianni Agnelli, l’italiano più famoso del mondo

Vent’anni senza Gianni Agnelli tra invidie e presunte verità

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl