app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
Direttexstrada I social che accompagnano le donne a casa

‘Direttexstrada’, i social che accompagnano le donne a casa

‘Direttexstrada’ è l’idea nata da un’associazione nata a tutela di uomini e donne vittime di violenza per accompagnare le donne che rientrano a casa da sole permettendo ai social di ritornare strumenti di aiuto.
|

‘Direttexstrada’, i social che accompagnano le donne a casa

‘Direttexstrada’ è l’idea nata da un’associazione nata a tutela di uomini e donne vittime di violenza per accompagnare le donne che rientrano a casa da sole permettendo ai social di ritornare strumenti di aiuto.
|

‘Direttexstrada’, i social che accompagnano le donne a casa

‘Direttexstrada’ è l’idea nata da un’associazione nata a tutela di uomini e donne vittime di violenza per accompagnare le donne che rientrano a casa da sole permettendo ai social di ritornare strumenti di aiuto.
|
|
‘Direttexstrada’ è l’idea nata da un’associazione nata a tutela di uomini e donne vittime di violenza per accompagnare le donne che rientrano a casa da sole permettendo ai social di ritornare strumenti di aiuto.

I social per aiutare le donne a sentirsi più sicure. L’idea può non sembrare rivoluzionaria eppure può essere parecchio efficace: accompagnare con una diretta Instagram le donne che rientrano a casa o che stanno attraversando luoghi in cui non si sentono al sicuro.

L’ha avuta un’associazione nata a tutela di uomini e donne vittime di violenza. Quella violenza su cui tanto si discute e polemizza una volta che è avvenuta e contro la quale ancora si fatica a trovare strumenti di prevenzione. E allora proprio i tanto usati social possono aiutare.

Se ci si trova da soli in un luogo che viene percepito come pericoloso basta scrivere un messaggio al profilo Instagram “direttexstrada” e le volontarie, presenti 24 ore su 24, fanno partire la diretta video. Il tutto mentre un’altra persona dell’associazione segue la conversazione pronta ad allertare il 112. Nulla di macchinoso, eppure è evidente come lo strumento della diretta possa rappresentare un deterrente per chi si avvicina alla donna o all’uomo in questione con l’intento di molestarla o molestarlo.

E in ogni caso, è rassicurante sapere che qualcuno stia osservando quello che succede. Certo questo non sopperisce alla necessità di implementare misure strutturali ma è importante che anche dalla società civile arrivino iniziative come questa, che possono aiutare a sentirsi più sicuri.

Oltretutto di questi tempi le dirette video vanno di gran moda e utilizzarle per scopi che vadano oltre il semplice voler mostrare sé stessi è senz’altro qualcosa di positivo.

 

di Gaia Bottoni

Peter Pan e l’offesa che non c’è

Il caso di Peter Pan, finito nel mirino di un’università scozzese, rappresenta il salto di specie…

Francesca Michielin e gli imbecilli in rete

L’ultima a sfogarsi sul meccanismo perverso dei social è stata Francesca Michielin, bersaglio di …

Fedez, che imbarazzo

Soltanto tanto imbarazzo per Fedez che nella vicenda Emanuela Orlandi farebbe bene a tacere

Dietro quelle sbarre

La verità è che nel sistema carcerario italiano ci sono problemi enormi da anni, a cominciare dag…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl