app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Don Matteo Selmo

Se Sanremo val bene una Messa

Don Matteo Selmo, co-parroco di Lonato del Garda (BS), per la sua omelia ha ripreso alcuni passaggi delle prime tre canzoni classificate a Sanremo. Ogni epoca ha i suoi linguaggi, per riscoprire la fede basta davvero il Festival?
| ,

Se Sanremo val bene una Messa

Don Matteo Selmo, co-parroco di Lonato del Garda (BS), per la sua omelia ha ripreso alcuni passaggi delle prime tre canzoni classificate a Sanremo. Ogni epoca ha i suoi linguaggi, per riscoprire la fede basta davvero il Festival?
| ,

Se Sanremo val bene una Messa

Don Matteo Selmo, co-parroco di Lonato del Garda (BS), per la sua omelia ha ripreso alcuni passaggi delle prime tre canzoni classificate a Sanremo. Ogni epoca ha i suoi linguaggi, per riscoprire la fede basta davvero il Festival?
| ,
| ,
Don Matteo Selmo, co-parroco di Lonato del Garda (BS), per la sua omelia ha ripreso alcuni passaggi delle prime tre canzoni classificate a Sanremo. Ogni epoca ha i suoi linguaggi, per riscoprire la fede basta davvero il Festival?
«Pregherò per te, che hai la notte nel cuor e se tu lo vorrai, crederai». Stavolta Adriano Celentano non c’entra ma c’entrano la fede, un prete, una predica e le canzoni. C’entra persino Sanremo che di santo non ha nulla, nel senso che si tratta del Festival. Don Matteo Selmo, co-parroco di Lonato del Garda, in provincia di Brescia, ha infatti preso per la sua omelia alcuni passaggi dalle canzoni “Brividi” di Blanco e Mahmood, “O forse sei tu” di Elisa e “Apri tutte le porte” di Gianni Morandi, interpretandone anche un accenno vocale. Don Matteo (nome azzeccato, considerando il successo del prete interpretato per anni da Terence Hill nella fiction di Rai Uno) ha spiegato la scelta con la necessità di «portare il Vangelo nella vita di tutti i giorni» perché «questo è l’insegnamento di Gesù, che nel suo stare tra la gente contestualizzava la parola del Padre». Tutti hanno capito – assicura il prete – ma le tre canzoni di Sanremo a Messa una riflessione la pongono. Ogni epoca ha i suoi linguaggi e quella odierna, con la crisi dei fedeli, sta cercando il proprio. Vale per tutto, pure per la religione. I preti – e ci mancherebbe! – sono liberi di diffondere la parola di Cristo nel modo che ritengono migliore ma se per riscoprire la fede o magari renderla più interessante serve Sanremo, beh, una domanda bisognerà pur farsela. Che poi, le tre canzoni citate dal prete sono le prime tre classificate al Festival. Le più note, probabilmente. E pazienza per gli ultimi che saranno i primi. Magari nella prossima omelia.   di Aldo Smilzo

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

I ragazzi italiani che non t’aspetti

24 Maggio 2024
Sono più liberi dei loro genitori, sono la generazione delle app, della tecnologia che rischia d…

La fuga dei prof da Milano e le verità scomode

24 Maggio 2024
Quasi 800 insegnanti di scuole medie e superiori hanno lasciato Milano per tornare nelle loro pr…

32 anni fa la strage di Capaci, Mattarella: “mafia sempre in agguato, destinata a finire”

23 Maggio 2024
Era il 12 maggio del 1992 quando il giudice Falcone ricevette il pizzino con cui (con molta prob…

“Sindrome Italia”: ammalarsi aiutando i fragili

20 Maggio 2024
Ogni anno sono più di 200 le badanti ricoverate perché affette dalla “Sindrome Italia” e non è u…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI