app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
Flash Gordon

Flash Gordon contro Buck Rogers

Come la competizione tra colossi dell’editoria diede spazio all’estro di Alex Raymond
|

Flash Gordon contro Buck Rogers

Come la competizione tra colossi dell’editoria diede spazio all’estro di Alex Raymond
|

Flash Gordon contro Buck Rogers

Come la competizione tra colossi dell’editoria diede spazio all’estro di Alex Raymond
|
|
Come la competizione tra colossi dell’editoria diede spazio all’estro di Alex Raymond

Nel 1933 Moses Koenigsberg era il monarca della King Features Syndicate. Un nomen omen dato che il könig presente nel suo cognome significa “re” in tedesco, così come king in inglese. In qualità di manager del magnate William Randolph Hearst guidava la King per gestire i “prodotti sindacati” distribuiti nei vasti interessi editoriali del suo capo, vero imperatore della carta stampata statunitense. In questo trionfo di potere editoriale non mancavano però le afflizioni.

Tarzan delle scimmie”, ispirato ai romanzi di Burroughs e fumettato da Hal Foster, spopolava tra il pubblico desideroso di avventure esotiche e arricchiva i conti della United Feature Syndicate. Le avventure fantascientifiche di Buck Rogers, scritto da Philip Nowlan e disegnato da Rick Yager, assicuravano invece abbondanti flussi di cassa alla National Newspaper Syndicate. La King mancava invece di simili bestseller capaci di aumentare di decine di migliaia di copie le vendite dei quotidiani che all’epoca ne ospitavano gli episodi a puntate. Fu così che Moses decise di indire un concorso dedicato ai numerosi fumettisti in organico alla compagnia per creare una valida alternativa a questi due prodotti narrativi della concorrenza. Non si sarebbe però mai aspettato che entrambe le risposte sarebbero arrivate da un unico disegnatore.

Alexander Gillespie Raymond Jr. detto Alex fu infatti capace di presentare in contemporanea le due proposte vincitrici. Il ragazzo era arrivato alla King tre anni prima, dopo essersi barcamenato nel pessimo mercato del lavoro causato dalla crisi economica del 1929. Orfano di padre, che ne aveva sempre incoraggiato la vena artistica fino a riempire il suo ufficio nel grattacielo Woolworth di disegni del figlio, per un periodo aveva dovuto abbandonare gli studi d’arte per ottenere delle borse di studio sportive indispensabili per proseguire la carriera scolastica. Nel syndicate aveva invece trovato il suo ambiente ideale facendosi le ossa come ghost artist di “Tim Tyler’s Luck” (“Cino e Franco”) e assistente grafico per “Blondie” (“Blondie e Dagoberto”), fino ad arrivare a essere il disegnatore principale di “Agente segreto X-9”.

Alex Raymond era quindi già noto per essere uno dei più talentuosi disegnatori della King ma il doppio exploit fu una sorpresa: “Jungle Jim” (“Jim della giungla”) vinse come avversario di Tarzan, mentre a Buck Rogers fu contrapposto Flash Gordon. La pubblicazione di entrambi venne programmata per il luglio del 1934 ma se il tratto realistico e le chine eleganti di Raymond assicurarono il successo di entrambi i personaggi, fu Flash a sancire la fama del suo autore. Sviluppato insieme all’editor Don Moore e ispirato al romanzo “When worlds collide” (“Quando i mondi si scontrano”) di Edwin Balmer e Philip Wylie, il fumetto inizia con la minaccia del pianeta Mongo in rotta di collisione con la Terra. Uno scienziato di nome Zarkov costruisce allora un razzo per raggiungerlo nel quale vengono imbarcati Flash Gordon e la sua fidanzata Dale Arden. Scongiurando l’impatto i tre scopriranno che Mongo è governata dallo spietato imperatore Ming, dando il via a un ciclo continuo di lotte che durerà fino al 2003. Forte del suo successo, Flash infatti sopravvivrà sia alla chiamata alle armi del suo autore nel 1944 nonché alla sua morte per un banale incidente stradale nel 1956, consacrandosi come uno dei pilastri del fumetto americano.

Di Camillo Bosco

VOTO:

aspetti positivi

Aspetti negativi

Videosognare all’orientale

Gioco, azione ed emozione

La genesi di Dragon Ball. Son Gokū tra manga e leggenda

Come Akira Toriyama attinse dai capolavori letterari orientali per “Dragon Ball”, il suo fumetto …

L’Incredibile Hulk e l’Armageddon nucleare

Al colmo del terrore dell’atomo, Lee e Kirby crearono un uomo reso invincibile, ma folle, dagli e…

“Le Otto Montagne” come antidoto al caos

In questi giorni in sala, il film “Le otto montagne” con Alessandro Borghi e Luca Marinelli è l’a…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl