app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
“The art of the Brick”

Lego – The Art of the Brick a Milano

|
Se dopo aver incastrato l’ultimo dei 743 mattoncini della stazione di polizia di Lego City ci si sente laureati ad honorem in architettura e ingegneria meglio non andare alla mostra “The art of the Brick”. Quello che l’artista Nathan Sawaya è in grado di fare con i piccoli pezzi colorati è oltre le aspettative. E la stazione di polizia sembrerà niente in confronto. Cento sculture realizzate con oltre un milione di mattoncini colorati Lego, dalle rivisitazioni dei grandi capolavori dell’arte, come La Gioconda, il Bacio di Klimt, il Pensatore di Rodin, l’urlo di Munch, fino a opere originali come lo scheletro di un T-Rex fatto con 80 mila mattoncini. A Milano in zona Navigli, al Ride Milano Urban Hub non si può rinunciare a una visita alla mostra ‘The Art of the Brick’ che presenta una selezione di opere dell’artista contemporaneo Nathan Sawaya, che ha saputo trasformare in arte la sua passione per i Lego. La mostra è adatta a grandi e piccini. Un’immersione nel mondo colorato di Nathan Sawaya, che non usa mattoncini speciali ma i classici Lego. Il lavoro di Sawaya giocoso e divertente agli occhi del visitatore è frutto di un lavoro ossessivamente preciso e minuziosamente realizzato. Nathan Sawaya si è così guadagnato una posizione di spicco nel mondo dell’arte contemporanea e ha creato una nuova dimensione fondendo Pop Art e Surrealismo in un’atmosfera sbalorditiva e rivoluzionaria nella capacità di dare forma ai sentimenti con un gioco che abbiamo tutti a portata di mano. La sua arte consiste infatti nel saper giocare con la materia, con il colore, con il movimento, la luce e la prospettiva per creare emozioni che ci colgono e ci sorprendono, restituendoci come esseri umani, una caratteristica importantissima e qualificante come la creatività Oltre alle sculture più divertenti e colorate e alla riproduzione di capolavori del mondo dell’arte un consiglio è quello di soffermarsi anche sulle opere originali, alcune di queste si discostano dall’idea di gioco e divertimento, al contrario sono più cupe e riflessive. Per esempio GRASP è la scultura di un uomo trattenuto da tante braccia. L’artista spiega che ci saranno sempre braccia pronte a trattenerti nel corso della vita, la sfida è trovare la forza di liberarsi, liberarsi dalle persone negative, che ostacolano il percorso verso la realizzazione personale. di Federica Marotti

VOTO:

aspetti positivi

Aspetti negativi

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Da Lara Tomb Raider a Ellie di The Last of Us

23 Maggio 2024
Le eroine dei videogiochi hanno contribuito in modo determinante a ridefinire la rappresentazion…

Il Pinguino al mentolo

09 Maggio 2024
L’origine tabagista di Willie, simpatico pinguino-mascotte antagonista di Batman amato da Bob Ka…

“May December” di Todd Haynes

29 Marzo 2024
“May December” di Todd Haynes è arrivato nelle sale italiane: dalla cronaca al riadattamento, no…

Gianni De Luca e il dinamismo nel fumetto

20 Marzo 2024
La closure, lo spazio che si trova fra le vignette di un fumetto, è uno strumento narrativo spes…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI