app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
Let it Bleed

“Let it Bleed”, l’album della generazione Vietnam

Let it Bleed” fu colonna sonora di un tempo segnato da passaggi epocali e contradditori: dall’uomo sulla luna, fino al record di soldati americani in Vietnam 
|

“Let it Bleed”, l’album della generazione Vietnam

Let it Bleed” fu colonna sonora di un tempo segnato da passaggi epocali e contradditori: dall’uomo sulla luna, fino al record di soldati americani in Vietnam 
|

“Let it Bleed”, l’album della generazione Vietnam

Let it Bleed” fu colonna sonora di un tempo segnato da passaggi epocali e contradditori: dall’uomo sulla luna, fino al record di soldati americani in Vietnam 
|
|
Let it Bleed” fu colonna sonora di un tempo segnato da passaggi epocali e contradditori: dall’uomo sulla luna, fino al record di soldati americani in Vietnam 

Il 29 novembre 1969 usciva – finalmente – Let it Bleed”, l’attesissimo tredicesimo album in studio dei Rolling Stones. La sua pubblicazione avvenne però prima in quegli Usa che avevano decretato il successo mondiale della band britannica. In Inghilterra sarebbe uscito una settimana dopo, a ridosso del drammatico Festival di Altamont voluto dagli Stones come “Kind of Woodstock West”, cioè come una sorta di risposta ai tre giorni del ferragosto newyorkese di “Pace, amore e musica” disertato da Jagger & C.

Ad Altamont successe di tutto (omicidi compresi) a opera degli Hells Angels, club motociclistico bollato come criminale dal Dipartimento di Stato americano. Un evento che assegnò definitivamente un’immagine demoniaca agli Stones, già sulfureggianti dalla pubblicazione nel 1968 di “Beggars Banquet”. E insomma, mentre i Beatles veleggiavano in dimensioni paradisiache gli Stones facevano messa con Belzebù. Su queste sciocchezze la stampa ci marciava, alimentando una rivalità tutta mediatica. Fatto è che nell’album “Beggars Banquet” era incisa “Simpathy for the Devil”: la canzone non aveva nulla di diabolico ma quell’autocertificazione pronunciata dal diavolo in persona fu sufficiente a fare degli Stones dei novelli demoni dostoevskijani.

Jagger rispose indirettamente proprio con “Let it Bleed. In “Monkey Man” dice infatti: «Spero non ci consideriate troppo messianici o magari un po’ troppo satanici». Il tempo era però coerentemente luciferino: una settimana prima di Woodstock, Charles Manson e la sua setta satanica avevano fatto strage a Los Angeles: prima nella villa dell’attrice Sharon Tate (moglie di Roman Polanski di cui era incinta di 9 mesi), poi in quella dei coniugi LaBianca. Come era successo dieci anni prima con quel fatto di sangue in Kansas che aveva ispirato a Truman Capote il suo capolavoro “A sangue freddo”.

Let it Bleed” diventava quindi una sorta di colonna sonora di un tempo segnato da passaggi epocali e contradditori: se solo in luglio l’uomo aveva messo piede sulla Luna, nel corso dell’anno i soldati americani in Vietnam raggiungevano la cifra record di oltre mezzo milione. Una guerra infilata nella prima traccia dell’album:Gimme Shelter”, un brano sontuosamente terribile, grido disumano di chi vive senza riparo. Un’Apocalisse senza rifugi per una generazione ustionata d’illusioni. Al protagonista di “You Can’t Always Get What You Want non resta che rassegnarsi. Let it bleed, lascia che sanguini il tuo cuore: «Non puoi avere sempre ciò che vuoi». Un solo spiraglio: «Se ci provi, forse, qualche volta avrai quel che ti serve. Giusto per un po’».

di Pino Casamassima

VOTO:

aspetti positivi

Aspetti negativi

Blueberry e la guerra editoriale

Il Western dei separatismi e delle tensioni etniche americane di Charlier e Giraud

Dead Space et similia, odissee virtuali

Attesissimo dai fan di vecchia data, l’imperdibile remake di “Dead Space” sbarca a 15 anni di dis…

L’odissea cinica dello Sconosciuto

L’eroe di Magnus dal riluttante senso di giustizia

“Mare fuori”, mare di libertà

“Mare fuori” arriva alla terza stagione tra temi complessi e grandi aspettative

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl