app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Lo sgombero tardivo del rave abusivo

Il party illegale nel Viterbese. Una vicenda che ha dell’incredibile per quanto si è protratta.

Ci sono voluti sei giorni, un morto, due denunce per violenza sessuale e svariati ricoveri ma alla fine sono stati sgomberati quasi tutti i partecipanti al rave party iniziato prima di Ferragosto vicino al lago di Mezzano, nel Viterbese. Una vicenda che ha dell’incredibile, soprattutto per quanto si è protratta, a dispetto di tutte le norme anti Covid. È dovuto intervenire, seppur tardivamente, il ministro Lamorgese per dare disposizioni sull’impiego delle forze dell’ordine, visto che il questore di Viterbo aveva definito lo sgombero «impossibile». Impossibile a suo dire perché i partecipanti erano troppi e troppo estesa l’area in cui erano sparpagliati.

Si voleva evitare lo scontro, e così quelle migliaia di persone sono rimaste a fare una cosa che non potevano fare per quasi una settimana. Nonostante già nelle prime ore un ragazzo di 24 anni fosse stato trovato morto proprio lì. Dei circa diecimila partecipanti ne sono stati identificati soltanto 2mila, il che vuol dire che gli altri o se ne sono andati quando hanno capito che prima o poi qualcuno sarebbe intervenuto, oppure sono sfuggiti all’identificazione da parte delle forze dell’ordine. Eppure c’erano tir, camper e roulotte, molto di più di un accampamento improvvisato con qualche tenda. «La situazione è fuori controllo» aveva detto l’assessore alla Sanità del Lazio D’Amato. Ci sono voluti sei giorni per fare arrivare 20 blindati della polizia e liberare la zona. In barba alle leggi e pure a qualsiasi disposizione sanitaria contro il Covid.

di Annalisa Grandi 

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl