app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Stesi per quanto sono distensivi

Sull’Afghanistan e sul dialogo con i talebani, Conte ha sentenziato in maniera netta, senza aver prima riflettuto bene sulle sue parole. Prendersela con Conte è però inutile, perché la  confusione è nell’intero Movimento Cinque Stelle.  

«Dialogo serrato con i talebani».

L’assenza di pensiero l’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte l’ha risolta appoggiandosi a un aggettivo bislacco, che nulla significa ma serviva a gonfiare la frase. Una scelta non certo frutto dell’impeto, tenuto conto dei tanti giorni trascorsi prima di rompere il silenzio sulla crisi afghana. L’esito della sortita è stato quello che sappiamo ed è servito a confermare un principio metodologico di sicula tradizione: «Cchiù lunga è a pinsata, cchiù grossa è a minchiata».

Non sappiamo se lo statista sia ricorso all’aiuto di terzi o si sia ricordato dell’analisi del politologo Di Battista che nell’agosto 2014, riferendosi ai tagliagole dell’Isis, così aveva sermoneggiato sul Blog di Grillo: «Dovremmo smetterla di considerare il terrorista un soggetto disumano con il quale nemmeno intavolare una discussione». Prendersela con Conte è però inutile, almeno quanto spiegare a un manichino in vetrina che sta indossando l’abito sbagliato. A colui che sottoscrisse con la Cina, a nome dell’Italia, il memorandum sulla Via della Seta va semmai riconosciuta stolida coerenza. Sarebbe invece utile conoscere il pensiero di Di Maio, politico concavo e convesso a seconda delle circostanze. Dal G7 virtuale dei ministri degli Esteri si è affrettato a criticare Conte ma insieme a questi è stato a sua volta definito “yes man” dallo stesso Grillo. Grande è la confusione nelle Cinque Stelle e ancor più grande è la leggerezza dei piddini che con gli ortotteri astrali insistono a volersi alleare.

 

di Vittorio Pezzuto

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl