app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Top-Ganna tira l’ItalBici

Il Pil italiano in crescita grazie alle imprese dell’Italia agli Europei e alle Olimpiadi. Ma anche grazie all’aumento della vendita di biciclette.

Pil, Prodotto interno lordo. In Italia è attestato su 1.683 miliardi di euro all’anno. Sbancando l’Europeo, la Nazionale di calcio targata Mancini&Vialli (baci e abbracci) potrebbe migliorarlo dell’1%, pari a 16,830 miliardi. E di quanto salirà il Pil grazie alle imprese di Jacobs&Tamberi (baci e abbracci) nell’atletica e, storia di ieri, grazie ai sorvoli di Tita&Banti (baci e abbracci) nella vela ai Giochi di Tokyo? Ce lo diranno gli appositi studi che gli economisti stanno sicuramente approntando.

E quanto salirà il Pil grazie a Ganna&Milan&Consonni&Lamon (baci e abbracci moltiplicati allo sfinimento) che nel velocissimo velodromo a Sud della capitale giapponese hanno volato i 4 chilometri dell’inseguimento in 3 minuti, 42 secondi e 307 millesimi a 64,765 orari di media? Ce lo racconteranno altri scienziati dei numeri e della fenomenologia dello sport applicata alla società quando analizzeranno i reverberi positivi del record mondiale targato Italia. Record caduco? Lo dirà la storia.

Rimane l’attimo struggente viatico di medaglia d’oro o d’argento, comunque di straordinaria importanza perché ci consegna il profeta della diffusione della bicicletta. Si tratta di Filippo ‘SuperPippo’ Ganna, soprannominato ‘Top-Ganna’ per via delle performance nelle sfide contro il tempo, sia su strada che in pista, versatile oltre l’umano, capace di spianare la strada verso le montagne per il capitano di turno da catapultare verso la maglia rosa del Giro (leggere: colombiano Bernal) o la maglia gialla del Tour. Si capiva già cinque anni fa quando ci intrattenemmo con lui alla partenza del Gran Premio della Liberazione del 25 aprile a Roma. Un fenomeno.

Pib, Prodotto italiano bicicletta. E qui i numeri rischiano di dare alla testa, in Italia come in Europa. Le biciclette vendute sul territorio nazionale nel 2020 sono state 2.020.000. Nel Continente 10 volte di più: oltre 22 milioni, tra mezzi muscolari e diavolerie elettriche per la pedalata assistita, con valore complessivo superiore ai 18,3 miliardi di euro.

La vendita delle e-bike è balzata all’insù del 52%, facendo incassare 10,6 miliardi di euro. Circa 3,6 milioni di pezzi, sui totali 4,5 milioni commercializzati, sono di origine europea. Ogni 1.000 unità si creano da 6 a 9 posti di lavoro. E i brand italiani imperversano e sono corteggiati dalle multinazionali come il polline dalle api. Le piste ciclabili si sviluppano anche in Italia (+194 km sul 2019) e la Green Economy fa risparmiare all’Europa almeno 2 milioni di tonnellate di CO2.

Da Ganna a Ganna. Da Luigi (muratore varesino, vincitore del primo Giro nel 1909) a ‘SuperPippo’ il cerchio dell’antologia delle imprese si chiude sul verbanese già maglia rosa e collezionatore di maglie iridate (1 su strada e 4 su pista). E ‘Top’ si mette idealmente sulle spalle l’intera ItalBici da tirare in Paradiso, in religioso silenzio come fa la vera classe operaia, anche attraverso il turismo in bicicletta che nella sola Italia genera ogni anno 4,6 miliardi di indotto, destinato a crescere anche nel Belpaese che già fa tendenza e con la rete ciclabile di 58.000 km e in aumento nel mercato europeo che già vale 500 miliardi.

 

Di Angelo Zomegnan

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl