app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Il vaccino come regalo di Natale

A 9 giorni dal Natale il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha affermato che, ora più che mai, bisogna affidarsi alla campagna vaccinale. L’obiettivo è evidente: non sprecare lo straordinario risultato ottenuto fino ad oggi, spingendo ancora di più sulle terze dosi.
| ,

Il vaccino come regalo di Natale

A 9 giorni dal Natale il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha affermato che, ora più che mai, bisogna affidarsi alla campagna vaccinale. L’obiettivo è evidente: non sprecare lo straordinario risultato ottenuto fino ad oggi, spingendo ancora di più sulle terze dosi.
| ,

Il vaccino come regalo di Natale

A 9 giorni dal Natale il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha affermato che, ora più che mai, bisogna affidarsi alla campagna vaccinale. L’obiettivo è evidente: non sprecare lo straordinario risultato ottenuto fino ad oggi, spingendo ancora di più sulle terze dosi.
| ,
| ,
A 9 giorni dal Natale il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha affermato che, ora più che mai, bisogna affidarsi alla campagna vaccinale. L’obiettivo è evidente: non sprecare lo straordinario risultato ottenuto fino ad oggi, spingendo ancora di più sulle terze dosi.
È opportuno partire dalle parole del presidente del Consiglio pronunciate in Parlamento in vista del Consiglio europeo di oggi e domani. Il capo del governo ha sottolineato come sia necessario affidarsi, ora più che mai, alla campagna vaccinale per «restare aperti». Draghi, insomma, non si è nascosto e ha fatto balenare la possibilità di ricorrere a misure più drastiche che ritenevamo ormai archiviate. È una extrema ratio non dichiarata, per il momento, ma è tornata a far capolino. A 9 giorni dal Natale, non sfuggirà ormai più a nessuno quale sia la strategia scelta dal governo, fra ‘quarta ondata’ e variante Omicron. Una progressiva serie di strette, dal Super Green Pass alla proroga dello stato d’emergenza, sino ai provvedimenti in ingresso anche per chi giunga da Paesi dell’Ue. L’obiettivo è evidente: non sprecare lo straordinario risultato della campagna vaccinale, spingendo ora a più non posso sulle terze dosi. Per l’esecutivo e le autorità sanitarie, l’unica arma a nostra disposizione per scavallare senza troppi danni l’inverno. Una stretta oggettiva e non indolore, con ricadute economiche nei settori della ristorazione e del turismo, ma sempre preferibile ad altre soluzioni. Quello che si legge tra le parole di Draghi è un richiamo a riflettere su ciò che ci siamo risparmiati grazie alla stratosferica percentuale di vaccini raggiunta. Dovremo sapere vivere con attenzione il Natale, ma basterebbe ripensare alle feste 2020 per capire quanta strada si è fatta e l’esigenza di difenderla a tutti i costi.   Di Marco Sallustro

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Essere solitari non sempre è solitudine

02 Giugno 2024
La solitudine è uno dei mali del nostro mondo ma non va demonizzata: secondo la scienza ne esist…

Così nacque l’idea del cerotto

20 Maggio 2024
Grazie alla moglie di Earle Dickson, il 18 maggio 1921 entra in commercio il “primo” cerotto o m…

La rinascita delle donne indiane sfregiate dall’acido

13 Maggio 2024
La Fondazione del gruppo OTB ha stanziato 100 mila euro per il reinserimento sociale e lavorativ…

Sanità – Rafforzare la prima linea

12 Maggio 2024
Oggi l’emergenza riguarderebbe il punto di riferimento del cittadino nell’intricata sanità itali…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI