app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Topolino

Topolino, fine del copyright

Cosa accadrà il 1 gennaio 2024 quando la Disney perderà definitivamente i diritti di copyright sulle prime versioni di Topolino e Minnie
|

Topolino, fine del copyright

Cosa accadrà il 1 gennaio 2024 quando la Disney perderà definitivamente i diritti di copyright sulle prime versioni di Topolino e Minnie
|

Topolino, fine del copyright

Cosa accadrà il 1 gennaio 2024 quando la Disney perderà definitivamente i diritti di copyright sulle prime versioni di Topolino e Minnie
|
|
Cosa accadrà il 1 gennaio 2024 quando la Disney perderà definitivamente i diritti di copyright sulle prime versioni di Topolino e Minnie
Il primo gennaio 2024 non porterà soltanto con sé l’inizio del nuovo anno, ma segnerà anche un crocevia per il mondo del diritto d’autore. A partire da questa data, infatti, la Disney perderà definitivamente i diritti di copyright sulle prime versioni di Topolino e Minnie. L’attuale legge statunitense sul diritto d’autore impone che il copyright debba scadere dopo 95 anni e ne saranno passati 96 dalla prima del celebre cortometraggio “Steamboat Willie”, targato 1928. Fu proprio il colosso dell’intrattenimento genitore del celebre topo a combattere lungo gli anni con le unghie e con i denti affinché la durata della protezione delle opere di ingegno fosse estesa, a tal punto che molti esperti del settore erano convinti che non sarebbe mai arrivato il giorno in cui avremmo visto Topolino di pubblico dominio. Con il Copyright Act del 1976 la Disney era riuscita a far estendere la durata di altri vent’anni, essendone fra i principali sostenitori, così come nel 1998 con il Copyright Term Extension Act e conseguente aggiunta di altri vent’anni al computo. Un atto non a caso divenuto celebre come il “Mickey Mouse Protection Act”. E anche se a diventare di dominio pubblico saranno solo e soltanto le primissime versioni dei celebri topini, è chiaro che siamo davanti all’inizio di una nuova era, dopo che nel 2022 a scadere era stata la prima resa di Winnie The Pooh. Starà ora ai tribunali capire fin dove il loro utilizzo sarà lecito, in quali casistiche e declinazioni. di Federico Arduini
La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Le donne africane di Angèle Etoundi Essamba

24 Maggio 2024
Angèle Etoundi Essamba, fotografa originaria del Camerun, guarda la femminilità nera per darci u…

La serie tv “The Diplomat”, ambasciatrice porta pena

23 Maggio 2024
Su Netflix, la serie tv “The Diplomat” narra di intrighi e cospirazioni di un’ambasciatrice Usa …

Al cinema, “I dannati” di Roberto Minervini

23 Maggio 2024
“I dannati” del regista Roberto Minervini, in sala per accendere i riflettori sulla condizione u…

Voci e Storie con La Ragione: giovedì a tutto tennis con Matteo Renzoni

13 Maggio 2024
Nuovo appuntamento sportivo di Voci e Storie con La Ragione presso l’hub culturale di California…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI