app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Una conquista che deve farci riflettere

Nessuno si chiede cosa ci sia dentro il primo vaccino contro la malaria, perché è evidente che i benefici siano maggiori dei rischi. E questo nonostante l’efficacia sia molto più bassa del vaccino anti-Covid.
|

Una conquista che deve farci riflettere

Nessuno si chiede cosa ci sia dentro il primo vaccino contro la malaria, perché è evidente che i benefici siano maggiori dei rischi. E questo nonostante l’efficacia sia molto più bassa del vaccino anti-Covid.
|

Una conquista che deve farci riflettere

Nessuno si chiede cosa ci sia dentro il primo vaccino contro la malaria, perché è evidente che i benefici siano maggiori dei rischi. E questo nonostante l’efficacia sia molto più bassa del vaccino anti-Covid.
|
|
Nessuno si chiede cosa ci sia dentro il primo vaccino contro la malaria, perché è evidente che i benefici siano maggiori dei rischi. E questo nonostante l’efficacia sia molto più bassa del vaccino anti-Covid.
Il direttore generale dell’Oms ha giustamente parlato di un «momento storico». E l’approvazione del primo vaccino contro la malaria lo è, indiscutibilmente. Anche solo considerando i numeri: solo in Africa nel 2019 questa malattia ha ucciso oltre 260mila bambini. E il vaccino, da somministrare in quattro dosi a partire dai cinque mesi di vita, potrebbe prevenire oltre 2 milioni di casi e 23mila morti l’anno sotto i cinque anni di età. Anche se l’efficacia non è elevatissima: secondo i risultati del programma pilota realizzato su più di 800mila bambini, si attesta intorno al 50% contro la malattia severa nel primo anno, percentuale che sale al 70% se somministrato insieme agli antimalarici. Ma non c’è dubbio alcuno che sia un momento da festeggiare, un punto di svolta e di speranza soprattutto per i Paesi africani: qui nel 2020 è stato registrato il 94% dei 220 milioni di casi. I morti sono stati 409mila solo lo scorso anno. Numeri impressionanti, che sembrano lontani anni luce da noi, ma il modo in cui giustamente questo vaccino è stato festeggiato dovrebbe farci ragionare. Perché siamo parecchio al di sotto di quell’efficacia superiore al 90% dei vaccini contro il Covid. Che invece per mesi sono stati messi sotto accusa. Del vaccino contro la malaria nessuno si chiede cosa contenga, perché è evidente che i benefici sono estremamente superiori ai rischi. Ma lo stesso, ricordiamocelo quando festeggiamo questo ennesimo passo della medicina, vale per quelli contro il Coronavirus. di Mery Gelmi

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Abbattere lo stigma della malattia si può: il progetto Teseo

20 Giugno 2024
Il progetto Teseo, con il sostegno di Fondazione Cariplo e Don Gnocchi, è impegnato nel costruir…

Essere solitari non sempre è solitudine

02 Giugno 2024
La solitudine è uno dei mali del nostro mondo ma non va demonizzata: secondo la scienza ne esist…

Così nacque l’idea del cerotto

20 Maggio 2024
Grazie alla moglie di Earle Dickson, il 18 maggio 1921 entra in commercio il “primo” cerotto o m…

La rinascita delle donne indiane sfregiate dall’acido

13 Maggio 2024
La Fondazione del gruppo OTB ha stanziato 100 mila euro per il reinserimento sociale e lavorativ…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI