app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

“LOL – Chi ride è fuori”, la nuova edizione parte tra le polemiche

Torna “LOL – Chi ride è fuori”. Tra polemiche per la presenza di Diana Del Bufalo e un cambio di conduzione, l’obiettivo sarà quello di non deludere le aspettative rispetto alla prima stagione. Una missione non facile visto l’incredibile scia di successo lasciata dalla prima edizione.

|

La seconda edizione di “LOL – Chi ride è fuori” arriverà su Amazon Prime Video il prossimo 24 febbraio, come annunciato dalle pagine social ufficiali del programma e dal conduttore Fedez, che quest’anno non sarà affiancato dall’amatissima Mara Maionchi, ma dal comico Frank Matano, tra i finalisti della prima edizione.

Lo show rivelazione dell’anno, che vede protagonisti dieci comici rinchiusi in una stanza per sei ore consecutive con l’obiettivo di far ridere gli altri e aggiudicarsi il premio finale di 100.000 euro (donato in beneficienza), sta per tornare e lo farà attraverso la modalità di scelta di un cast ricco e variegato come lo scorso anno, composto da comici e artisti di lunga data lanciati dal piccolo schermo tra cui Virginia Raffaele, Corrado Guzzanti e il Mago Forest, insieme a nuove giovani leve che hanno mosso i primi passi sul web, vero e proprio luogo della meritocrazia. Fra questi Maccio Capatonda e Tess Masazza che si sono fatti notare non in reality show, dove ormai le dinamiche pilotate e la voglia di conquistare – o recuperare – la popolarità senza alcun talento la fanno da padrone, ma per merito della propria genialità unita alla sapienza dell’uso delle piattaforme mediali.

Questi artisti, assieme ad altri esponenti di massimo rilievo della nostra comicità, avranno il duro compito di superare i personaggi geniali di Lillo, Pintus o Elio della scorsa edizione.

Oltre all’originalità del format, infatti, le sei puntate sono state una vera boccata d’aria nel panorama dell’offerta streaming, tanto da spingere lo spettatore a immedesimarsi con i personaggi e gli eventi all’interno della stanza, divenendo in breve tempo un fenomeno di massa apprezzato da tutti. Un epilogo per nulla scontato, soprattutto per il fatto che, dal momento del lancio fino alla sua messa in onda, la prima edizione del programma era passata in sordina, quasi come uno dei tanti prodotti in partenza su una qualsiasi piattaforma.

Probabilmente nemmeno il programma stesso era consapevole della portata rivoluzionaria del modo stesso di fare comicità in Italia; un mondo – quello dei comici – sempre più riverso sul web o sulle stand-up comedy, con pochi casi isolati legati alla tv. Su tutti Valerio Lundini ed Emanuela Fanelli con il loro “Una pezza di Lundini”, in un panorama televisivo legato a titoli triti e ritriti come “Scherzi a parte” o loro copie come gli scherzi de “Le Iene”.

Per sapere se la seconda stagione sarà in grado di non deludere le aspettative bisogna attendere la messa in onda del programma, anche se chi ben comincia è a metà dell’opera.

L’unica nota stonata potrebbe essere rappresentata da Diana Del Bufalo, confermata nonostante alcune affermazioni contro il vaccino anti-Covid nei giorni scorsi sui social. Il programma è stato interamente registrato lo scorso settembre e la produzione non ha avuto altra possibilità di scelta. Staremo a vedere.

 

Di Alessia Luceri

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl