app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Mbappé Le Pen

Mbappé senza calcoli e paura sfida Le Pen

Ha iniziato Thuram; dopo nemmeno 24 ore è sceso in campo Mbappé con un discorso politico contro l’estremismo, “contro coloro che dividono”. Lo spauracchio è Le Pen

|

Mbappé senza calcoli e paura sfida Le Pen

Ha iniziato Thuram; dopo nemmeno 24 ore è sceso in campo Mbappé con un discorso politico contro l’estremismo, “contro coloro che dividono”. Lo spauracchio è Le Pen

|

Mbappé senza calcoli e paura sfida Le Pen

Ha iniziato Thuram; dopo nemmeno 24 ore è sceso in campo Mbappé con un discorso politico contro l’estremismo, “contro coloro che dividono”. Lo spauracchio è Le Pen

|
|

Ha iniziato Thuram; dopo nemmeno 24 ore è sceso in campo Mbappé con un discorso politico contro l’estremismo, “contro coloro che dividono”. Lo spauracchio è Le Pen

Chi l’avrebbe mai detto. È la riflessione iniziale, prendendo nota della serie di posizioni pubbliche assunte nelle ultime ore dai calciatori della nazionale francese presenti a Euro 2024 (stasera l’esordio alle 21:00 con l’Austria) che hanno invitato i connazionali a recarsi alle urne per le elezioni legislative del 30 giugno indette dal presidente della Repubblica, Macron. Lo spauracchio è Marine Le Pen e il Rassemblement National (RN).

Ha iniziato l’attaccante dell’Inter, Marcus Thuram, spingendo i francesi ad andare a votare per fermare l’avanzata dell’estrema destra, che alle Europee è andata oltre il 30%. Ci sono state accese polemiche in Francia, oltre allo stupore per la levata di scudi di un nazionale francese. E dopo nemmeno 24 ore è sceso in campo Kylian Mbappé, il calciatore più forte al mondo – tra l’altro anche lui al centro delle polemiche per la più che probabile assenza ai Giochi olimpici per volere del Real Madrid – che ha appoggiato Thuram, esibendosi in un discorso politico contro l’estremismo, “contro coloro che dividono”, a favore di inclusione, rispetto, tolleranza, aggiungendo forse il passaggio più importante, cioè che la sua voce, la voce di Kylian Mbappé deve arrivare il più possibile, non escludendo che gli stessi calciatori francesi potrebbero organizzare qualcosa per spingere i francesi ad allontanare lo spettro della destra estrema. Hanno risposto a domande sulla situazione politica in Francia anche Dembélé, Giroud, Pavard.

Non ci sono posizioni ufficiali della federcalcio transalpina, non si sa se Mbappé e soci siano stati stimolati, invitati a prendere una posizione sul tema. Anzi, il commissario tecnico della Francia, Didier Deschamps, ha invitato tutti a tornare a parlare di calcio, cioè quello che avviene da decenni, con il pallone totalmente scollegato da quanto avviene nel mondo, ben confinato nella sua comfort zone. Anche ai recenti Mondiali in Qatar, dove c’era parecchio da dire, da segnalare in termini di violazioni dei diritti umani, il silenzio ha fatto la voce grossa. Non ci sono state, per esempio, posizioni forti, incisive, contro la guerra in Ucraina, figurarsi per quanto sta avvenendo a Gaza. La consapevolezza e l’esposizione su temi politici, etici, sessuale è piuttosto rara, non è certo l’era di personaggi come Diego Maradona, solo per citare quello con più appeal non solo mediatico per portare fuori dal campo alcune considerazioni personali. Per questi motivi, indipendentemente dalle nostre considerazioni politiche, il discorso di Mbappé (e prima ancora di Thuram) è decisamente un buon segnale. In particolare quello dell’attaccante del Real Madrid, parecchio legato, tra l’altro, a Macron.

di Nicola Sellitti

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Berrettini domina

21 Luglio 2024
Matteo Berrettini vince il torneo di Gstaad e dopo lunghi e dolorosi mesi di buio si è riscopert…

Berrettini c’è

20 Luglio 2024
Berrettini ora corre: battuto Tsitsipas 7-6 7-5, è finale a Gstaad, dove l’azzurro giocherà cont…

Chiude 90º minuto. Finisce un’era

19 Luglio 2024
Sparisce uno dei due segmenti del romanzo popolare, assieme a “Tutto il calcio minuto per minuto…

Eugenio Monti e l’epopea del bob fra coraggio e generosità

18 Luglio 2024
Il bosco di Ronco meritava di essere conservato come parco pubblico dedicato ai valori sportivi …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI