app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Donne e sport

Oltre la storia

Donne e sport: Vanessa Ferrari e Federica Pellegrini, fuoriclasse alle Olimpiadi di Tokyo2020. Esempio di abnegazione in costante sfida non con solo l’avversario ma prima di tutto con sé stesse.
|

Oltre la storia

Donne e sport: Vanessa Ferrari e Federica Pellegrini, fuoriclasse alle Olimpiadi di Tokyo2020. Esempio di abnegazione in costante sfida non con solo l’avversario ma prima di tutto con sé stesse.
|

Oltre la storia

Donne e sport: Vanessa Ferrari e Federica Pellegrini, fuoriclasse alle Olimpiadi di Tokyo2020. Esempio di abnegazione in costante sfida non con solo l’avversario ma prima di tutto con sé stesse.
|
|
Donne e sport: Vanessa Ferrari e Federica Pellegrini, fuoriclasse alle Olimpiadi di Tokyo2020. Esempio di abnegazione in costante sfida non con solo l’avversario ma prima di tutto con sé stesse.
È la seconda volta, in appena tre giorni, che il nostro sport regala storie magnifiche. Senza passare (ancora) da una medaglia olimpica. Prima Vanessa Ferrari, la scorsa notte Federica Pellegrini. Due donne, di 30 e 33 anni, capaci ancora di scalare il mondo e reggere il confronto con ragazzine di un’altra generazione. La quinta finale olimpica consecutiva nei 200 stile libero di Federica Pellegrini è un risultato mai visto prima, forse ancora più impressionante di un palmares già senza eguali. Per noi esseri ‘normali’ è difficile anche immaginare quanti sacrifici ci siano dietro vent’anni di finali alle Olimpiadi. Quanta concentrazione, abnegazione, cura del proprio corpo, rinunce ci siano dietro la costante ricerca del risultato. Non anno dopo anno, ma giorno dopo giorno. Senza sosta. Pensateci un attimo: vent’anni senza potersi mai concedere uno scarico completo, un addio liberatorio. Proviamo a immaginare quanta applicazione mentale sia necessaria, quante energie psicofisiche se ne vadano, in un’impresa del genere. Siamo spesso pronti a osservare e giudicare i momenti di libertà di questi campioni incredibili. Quando più che legittimamente sfruttano la popolarità guadagnata a forza di sacrifici sovrumani, per divertirsi in televisione o sui social. È curioso: consideriamo scontato ciò che sarebbe semplicemente inconcepibile per ciascuno di noi. Ammazzarsi di fatica per un trofeo, una medaglia o anche una ‘semplice’ finale, in una carriera a cui sembra non ci sia più nulla da chiedere. Questa, però, è la differenza fra i fuoriclasse e il resto del mondo. Sono in battaglia perenne, ma con se stessi. Gli avversari sono un dettaglio, l’ostacolo più grande sulla strada della realizzazione personale. Donne e uomini che trovano lo stimolo e l’obiettivo in se stessi. Non è egoismo, ma consapevolezza di una meravigliosa diversità. Quella che ci fa urlare dal divano nel cuore della notte.   di Fulvio Giuliani

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Il bagno di mezzanotte dei calciatori del Cagliari per festeggiare la salvezza raggiunta in Serie A

20 Maggio 2024
Per festeggiare la salvezza, i calciatori del Cagliari sono andati nella splendida spiaggia del …

Il campione olimpico di Whistler Giuliano Razzoli si ritira: “Lascio sereno”

20 Maggio 2024
È ufficiale: Giuliano Razzoli, campione olimpico di Whistler, si ritira. Lo fa da campione dopo …

La coppia della domenica

20 Maggio 2024
Le azzurre Sara Errani e Jasmine Paolini vincono il titolo femminile di doppio agli Internaziona…

Verstappen trionfa, la Red Bull è lui. Leclerc terzo

19 Maggio 2024
Vince ancora Verstappen. Anche se la Red Bull oggi a Imola – senza Adrian Newey ai box – è stata…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI