app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Defunti intelligenza artificiale

Cina, defunti resuscitati con l’intelligenza artificiale

Ai limiti dell’impossibile e della follia. Accade che in Cina, attraverso l’uso dell’intelligenza artificiale (IA), si facciano rivivere i defunti

|

Cina, defunti resuscitati con l’intelligenza artificiale

Ai limiti dell’impossibile e della follia. Accade che in Cina, attraverso l’uso dell’intelligenza artificiale (IA), si facciano rivivere i defunti

|

Cina, defunti resuscitati con l’intelligenza artificiale

Ai limiti dell’impossibile e della follia. Accade che in Cina, attraverso l’uso dell’intelligenza artificiale (IA), si facciano rivivere i defunti

|
|

Ai limiti dell’impossibile e della follia. Accade che in Cina, attraverso l’uso dell’intelligenza artificiale (IA), si facciano rivivere i defunti

Ai limiti dell’impossibile e della follia. Accade che in Cina, attraverso l’uso dell’intelligenza artificiale (IA), si facciano rivivere i morti. Qualche foto e video, alcuni audio vocali della persona che si vuole far ‘resuscitare’ e il gioco è fatto: il modello algoritmico alimentato dall’avanzata (?) IA creerà un avatar del defunto che sarà in grado di dialogare con le persone che lo desiderano. “Defunti digitali”: così potremmo definire tali chatbot intorno ai quali si è sviluppato un vero e proprio business.

«Per soli 52 yuan (6,75 euro) puoi tornare a parlare con la persona che hai perso», questo uno tra i tanti annunci che si possono leggere online. «Abbiamo aiutato oltre 600 famiglie e ‘resuscitato’ migliaia di persone» spiega Zhang Zewei, fondatore della startup SuperBrain, leader in Cina nel segmento dei ‘defunti digitali’. Ma siamo davvero certi che si tratti di un aiuto? Il dolore procurato dalla perdita di una persona cara è incolmabile; quello che viene proposto ci pare semmai una pratica commerciale più che discutibile che accantona il rispetto per il morto e la stessa dignità del congiunto.

Il governo cinese vuole mettere dei paletti a questa pratica che provoca una ‘dipendenza’ a persone che trascorrono ore e ore a parlare con l’avatar virtuale di un proprio caro defunto. Sarebbe bene lasciar stare in pace almeno i morti e non giocare (e lucrare) sulla pelle di chi non c’è più con degli zombie moderni. Altro che “Finché morte non ci separi”.

di Filippo Messina

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Studenti e Intelligenza Artificiale, delegare al posto di copiare

19 Maggio 2024
Il rapporto tra studenti e Intelligenza Artificiale: secondo una recente ricerca il 65% degli st…

Divertimenti e rompicapi

16 Maggio 2024
Grazie ai moderni videogame, oggi anche i passatempi più in voga dello scorso millennio continua…

Competizioni avventurose, dallo sport alla strategia

15 Maggio 2024
I videogiochi offrono da sempre contesti perfetti per ogni tipo di competizione, da quelle sport…

Passatempi molto evocativi, dai deserti allo spazio

15 Maggio 2024
Nati una cinquantina d’anni fa come semplici passatempi, i videogiochi sono arrivati a diventare…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI