app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Facebook, cambiare per non cambiare

Zuckerberg sarebbe intenzionato a ribattezzare Facebook: il nuovo nome dovrebbe essere annunciato il prossimo 28 ottobre. Ma cambiare il nome a una rosa lasciando che resti una rosa ha senso?
| ,

Facebook, cambiare per non cambiare

Zuckerberg sarebbe intenzionato a ribattezzare Facebook: il nuovo nome dovrebbe essere annunciato il prossimo 28 ottobre. Ma cambiare il nome a una rosa lasciando che resti una rosa ha senso?
| ,

Facebook, cambiare per non cambiare

Zuckerberg sarebbe intenzionato a ribattezzare Facebook: il nuovo nome dovrebbe essere annunciato il prossimo 28 ottobre. Ma cambiare il nome a una rosa lasciando che resti una rosa ha senso?
| ,
| ,
Zuckerberg sarebbe intenzionato a ribattezzare Facebook: il nuovo nome dovrebbe essere annunciato il prossimo 28 ottobre. Ma cambiare il nome a una rosa lasciando che resti una rosa ha senso?
«Romeo, perché ti chiami Romeo? Cambia il tuo nome. In fondo, che cos’è un nome? Quella che noi chiamiamo una rosa, con qualsiasi altro nome profumerebbe altrettanto dolcemente». Chissà se Mark Zuckerberg, pensando di cambiare nome a Facebook, la sua creatura, avrà riflettuto su quella strana coppia del brand e della sostanza che già vedeva flirtare i Romeo e Giulietta di Shakespeare. Cambiare il nome a una rosa lasciando che resti una rosa ha senso? Nella vita reale non molto, ha semmai il gusto del travestimento, ma nell’epoca della comunicazione e dell’immagine vattelappésca. Potrebbe pure funzionare. La questione resta però intatta. Perché Zuckerberg avrebbe deciso di ribattezzare Facebook? Il nuovo nome della società, che oggi possiede anche WhatsApp e Instagram, dovrebbe essere annunciato il prossimo 28 ottobre. Non si tratta di mettere un “mi piace” o un “non mi piace” a questa scelta ma semmai di comprenderne le ragioni. Qui le considerazioni si moltiplicano: c’è chi nota il momento critico per Facebook, al centro di polemiche e attacchi mediatici sempre più pressanti. Chi invece fa notare come il colosso social sia nel vortice di una battaglia politica appena cominciata negli Usa e che mira a ridurne la concentrazione monopolistica, cresciuta molto in questi anni. Considerazioni che ci riportano, più che a Shakespeare, a un casalingo Giuseppe Tomasi di Lampedusa e al suo gattopardo: tutto cambi perché nulla cambi. E chissenefrega del nome, se poi una rosa ribattezzata in altro modo resta comunque una rosa.   di Jean Valjean

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

La Cina ordina la rimozione di WhatsApp e Threads

19 Aprile 2024
Il governo di Pechino ha ordinato la rimozione delle due applicazioni dall’App Store del Paese p…

La forma dell’acqua e dell’auto al Fuorisalone 2024

15 Aprile 2024
In Brera, uno dei cuori pulsanti del Fuorisalone, domani alle 18 parleremo del design applicato…

La lavatrice che cambiò la condizione femminile

07 Aprile 2024
La lavatrice, l’invenzione che più di tutte ha determinato una rivoluzione culturale e sociale s…

Salvatore Majorana: “Kilometro rosso, un motore della contaminazione”

28 Marzo 2024
Il Parco scientifico tecnologico Kilometro Rosso, con una vita simile a un campus, ospita 200 ev…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI