app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
g7 aborto

Caso e caos aborto al G7: Francia e Italia, basta

A me interessa poco sapere se c’è stata una manina italiana o francese nella vicenda dell’aborto al G7 in Puglia, ma Francia e Italia la smettano

|

Caso e caos aborto al G7: Francia e Italia, basta

A me interessa poco sapere se c’è stata una manina italiana o francese nella vicenda dell’aborto al G7 in Puglia, ma Francia e Italia la smettano

|

Caso e caos aborto al G7: Francia e Italia, basta

A me interessa poco sapere se c’è stata una manina italiana o francese nella vicenda dell’aborto al G7 in Puglia, ma Francia e Italia la smettano

|
|

A me interessa poco sapere se c’è stata una manina italiana o francese nella vicenda dell’aborto al G7 in Puglia, ma Francia e Italia la smettano

A me interessa molto relativamente sapere se c’è stata una manina italiana o francese nella vicenda dell’aborto al G7 in Puglia, quanto ci sia di vero e quanto di costruito ad arte nel molto presunto scontro diplomatico fra Italia, Francia e Ue. Nel quale, poi, è stato tirato per i capelli anche il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden attraverso una domanda a trabocchetto posta al consigliere per la Sicurezza nazionale Usa Jack Sullivan. 

L’evidente imbarazzo fra il presidente francese Emmanuel Macron e la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, degenerato a sera in aperta polemica fra i due sullo sfondo del tema aborto, può essere archiviato ormai a fatica come ennesimo episodio del mai decollato rapporto fra i due, ma anche questo a ciascuno di noi può interessare poco. 

Italia e Francia o Francia e Italia, se preferite, è bene che si diano una regolata e una calmata. Possiamo divergere su molti argomenti – nel caso dei nostri cugini ci viene abbastanza facile e lo stesso dicasi per loro – ma è ora di finirla e di ricordare la marea di interessi comuni in seno all’Unione europea e non solo. Questo sfinente gioco, che va avanti sostanzialmente dal giorno dopo l’elezione stravinta da Fratelli d’Italia e Giorgia Meloni il 25 settembre 2022, non ha alcuna ragion d’essere. 

Se non per chi si illude di costruire le relazioni sui rapporti di forza e ci fermiamo qui, perché ci scappa da ridere nell’attuale mondo e nell’attuale insieme di circostanze storiche.

Italia e Francia sono obbligate a lavorare di concerto e una volta per tutte ficchiamoci in testa quello che è assolutamente ovvio: se anche Macron – come probabile – dovesse perdere le elezioni anticipate da lui convocate fra pochi giorni la coabitazione resterà un enorme problema per lui, è lui che se la dovrà vedere con un governo presumibilmente guidato dal ventottenne Jordan Bardella, ma la politica estera, le grandi decisioni di fondo e strategiche in seno all’Ue non è che non lo vedranno più protagonista. 

Così come un movimento di ultra destra e iper sovranista come quello di Marin Le Pen di sicuro guarderà esclusivamente agli interessi propri e al massimo del proprio Paese, sai cosa gli importerà del governo italiano, di Giorgia Meloni o di Matteo Salvini. Si veda Orban, se non ci credete. 

Il nostro ragionamento, beninteso, non è certo riferito solo al governo italiano, anzi. All’Eliseo è il momento che la smettano una volta per tutte con questo atteggiamento nei confronti di Roma: ti può non essere gradito il governo in carica, ma con quello parli e lavori al meglio delle tue possibilità. Altrimenti risulteresti, caro Macron, iper europeista a giorni alterni e soprattutto a vantaggi alterni. Non un bello spettacolo. 

di Fulvio Giuliani

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Europa, la politica ha battuto un colpo

22 Luglio 2024
La vicenda europea si stava mettendo male ed è finita come non poteva non finire, cioè bene. E l…

Protesta italiana per il Mediterraneo a uno spagnolo

20 Luglio 2024
Perché nominare uno spagnolo come rappresentante speciale della Nato per i rapporti con i Paesi …

ReVisioni politiche

20 Luglio 2024
Tante posture e parole d’ordine hanno traslocato da sinistra a destra e viceversa. Un’analisi di…

Taxi, cade l’ultimo velo della vergogna

20 Luglio 2024
Taxi, arriva la sentenza della Corte costituzionale: “Il blocco delle licenze lede i diritti dei…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI