app-menu Social mobile

Inquadra e leggi gratis
La Ragione su app

Morire nella Manica è inaccettabile

Le divisioni politiche tra Parigi e Londra non possono diventare alibi per trasformare il canale della Manica in un cimitero di migranti in cerca di futuro.

Nel 2021 nessuno dovrebbe naufragare e morire nella Manica. Punto.

Da un lato la sponda della Francia e l’Europa continentale; dall’altra l’Inghilterra, che dall’Europa se n’è andata restando comunque una grande democrazia. Nel mezzo, i migranti morti in mare. È inaccettabile.

La notizia di decine di migranti – si parla di oltre trenta vittime, fra cui donne e anche una bambina – affogati nel tentativo di andare dalle coste francesi in Inghilterra deve scuotere non soltanto le coscienze (parola di cui ormai si abusa, troppo spesso solo a chiacchiere) – ma la politica.

Capiamo tutto. Capiamo il braccio di ferro tra Parigi e Londra sulla questione migratoria, le loro divisioni politiche e la guerra della pesca sulla Manica. Capiamo gli interessi divergenti ma una cosa non la possiamo accettare e capire: che la Manica diventi una tomba d’acqua per gente disperata in cerca d’un futuro.

Londra e Parigi si diano un minimo comune denominatore e su questo collaborino da subito: mai più un morto nella Manica. Il nostro tempo – ormai assediato da tragedie umanitarie e umane, dai migranti che si lanciano nel Mediterraneo verso le coste italiane a quelli che la Bielorussia spinge sul confine polacco – non può digerire oltre l’indigeribile.
Ed è indigeribile che tra le sponde di due grandi civiltà democratiche e libere, la Francia e l’Inghilterra, in un canale d’acqua affoghino esseri umani. Per questo, oltre a dire che non dovrà succedere mai più, la politica deve prendere decisioni che trasformino le parole in realtà.

 

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl