app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
JAGO INTO THE WHITE

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da La Ragione (@laragione.eu)

“Jago into the white”, il Michelangelo contemporaneo al cinema

Del regista Luigi Pingitore, il docufilm Jago into the white sullo scultore italiano definito il Michelangelo contemporaneo, arriverà nelle sale italiane il 18 e 19 giugno

|

Il Guardian lo ha definito ‘soltanto’ il nuovo Michelangelo della scultura contemporanea. Una descrizione ‘modesta’ che avrebbe gettato in crisi chiunque, soprattutto se hai solo 37 anni e una vocazione straordinaria per la scultura nell’attuale mondo automatizzato e serializzato, in cui l’arte sembra aver perso la sua aurea metafisica per divenire orbello.

Il nome di quel ragazzo è Jacopo Cardillo, in arte Jago, e un pezzetto della sua avventura plasmata nel marmo verrà presentata alla prossima edizione Tribeca Film Festival, tra i più importanti appuntamenti del cinema internazionale fondato a New York nel 2002 da Jane Rosenthal, Robert De Niro e Craig Hatkoff: “JAGO INTO THE WHITE” diretto dal regista e scrittore Luigi Pingitore.

Il film arriverà nelle sale italiane solo per due giorni, il 18 e 19 giugno, come primo evento della Stagione 2024 OFF della Grande Arte al Cinema di Nexo Digital in collaborazione con i media partner Radio CapitalMYMovies.it e con Abbonamento Musei.

Il regista si concentra su due anni precisi della vita di Jago culminanti nel trasferimento da New York a Napoli per lavorare, notte e giorno, ad una versione contemporanea e personale della Pietà all’interno della chiesa di Sant’Aspreno ai Crociferi, in pieno rione Sanità. Ancora una volta, Jago resta fedele al suo obiettivo: rimanere fedele alle tecniche e alle forme del Rinascimento italiano ma permettendo loro di dialogare con il tempo presente. In una parola, trasformando il marmo in arte e l’arte in simbolo.

Jago impone con determinazione la sua idea di artista contemporaneo: non più un genio ribelle, dedito alla sua arte in completa solitudine, ma un imprenditore attento e meticoloso, naturalmente predisposto ad aprire le porte del suo studio per trovare, attraverso gli occhi degli spettatori, nuove ispirazioni. È per questo motivo che il marmo utilizzato per la Pietà, ancora nella sua forma originaria, viene esposto ai curiosi diventando lavagna per pensieri di incoraggiamento o pure riflessioni. Così come, per la stessa ragione, Jago inviterà e farà picconare il suo marmo ad alcuni adolescenti (per far comprendere profondamente il senso di quel gesto) che avevano filmato e condiviso sui propri social il deturpamento di un’altra sua opera simbolo di quel periodo post pandemico, “Look down”, posta al centro di Piazza Plebiscito come invito a guardare in basso, verso gli ultimi, verso i più fragili.

Una sorta di pietas moderna, esempio perfetto della figura di Jago, più volte criticato per il l’uso eccessivo dei social come forma di auto-rappresentazione quasi narcisistica. Jago chiarisce questo aspetto nel film puntando sul concetto dell’artepreneur, l’artista moderno che comunica con il mondo e non lo rifiuta, coinvolgendo gli spettatori dal puro marmo alla creazione utilizzando gli strumenti contemporanei. Dimostrando, con risultati eccellenti, che si può essere artista, comunicatore e, perché no, pop star.

“Jago into the white” offre una nuova interpretazione su cosa sia l’arte, specialmente oggi, e come si possa equilibrarla alle dinamiche manageriali contemporanee. Spiega lo stesso Jago: “Il grande merito è dei miei genitori, che mi hanno spinto verso i grandi maestri dell’arte attraverso l’umanizzazione, mostrandomi il bambino che c’è dietro anziché il genio. Provando in questo modo a farmi capire che potevo anche io essere quel bambino e, attraverso lo sguardo dei loro passi, imparare a trovare i miei”.

di Raffaela Mercurio

VOTO:

aspetti positivi

Aspetti negativi

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

La vera età di Paperino

19 Giugno 2024
Il primo Paperino apparve già nel 1931, nel primo libro in assoluto basato sui personaggi di Wal…

Inside Out 2, un caleidoscopio di emozioni

19 Giugno 2024
Dopo il successo del primo capitolo per grandi e piccini, oggi Inside Out 2 è finalmente nei cin…

Fremont e il peso della colpa dal 27 giugno al cinema

17 Giugno 2024
Al cinema dal 27 giugno, Fremont racconta il peso della solitudine e del senso di colpa del conf…

Il carburante del divertimento

13 Giugno 2024
Videogame e motori, un amore indissolubile: dall’attesissimo F1 24 per gli appassionati di Formu…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI