app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Successo Sanremo 2024

Sanremo insegna

Per quasi una settimana l’argomento principale delle conversazioni è stato il Festival di Sanremo. Bisogna fare i complimenti ad Amadeus e ai collaboratori. I segreti del successo
|

Sanremo insegna

Per quasi una settimana l’argomento principale delle conversazioni è stato il Festival di Sanremo. Bisogna fare i complimenti ad Amadeus e ai collaboratori. I segreti del successo
|

Sanremo insegna

Per quasi una settimana l’argomento principale delle conversazioni è stato il Festival di Sanremo. Bisogna fare i complimenti ad Amadeus e ai collaboratori. I segreti del successo
|
|
Per quasi una settimana l’argomento principale delle conversazioni è stato il Festival di Sanremo. Bisogna fare i complimenti ad Amadeus e ai collaboratori. I segreti del successo

Per quasi una settimana media, social, palestre, bar e uffici non hanno fatto altro che parlare di Sanremo. Per commentarlo, criticarlo, discutere di canzoni e testi più o meno azzeccati e comprensibili, affermare il proprio disinteresse, fastidio. Insomma comunque sia il Festival ha preso la scena.

Non si può quindi che complimentarsi con chi ha raggiunto questo risultato, davvero notevole. Amadeus e i suoi collaboratori in primis.

A mio modesto parere la chiave del successo è stata quella di trasformare nel corso degli anni un evento “anziano” e lontano da tante fasce di età in uno spettacolo per tutti. E questo grazie a un giusto mix di giovani e meno giovani, coinvolgendo e invitando cantanti di punta ascoltati dalle varie generazioni: millenials, x, z, boomer. Con una sapiente capacità di mixing e shaking e con il supporto imprescindibile dei social… che si sono autoalimentati in questi anni creando veri e propri format nei format.

Questo mix di generazioni sono convinta sia esattamente quello che serva alle aziende per crescere. Persone di diverse età possono dare una scintilla continua alle società in cui lavorano, confrontandosi e mettendo le diverse esperienze e mentalità a fattore comune. Certo è necessario che le aziende siano in grado di mettere tutti nelle migliori condizioni di lavorare, lasciando spazi e possibilità a tutti di sperimentare, portare contributi e idee. Senza gerarchie stantie e inutili, senza contrapposizioni, ma facendo emergere il merito. Facile? Per niente. Ma molto sfidante, e una chiave di successo per chi troverà la giusta formula. Sanremo insegna.

di Federica Marotti

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Sangiovanni: “Bisogna avere il coraggio di fermarsi”

Il giovane Sangiovanni, reduce dal penultimo posto sanremese con “Finiscimi” annuncia sui suoi so…

Napoli in festa all’accoglienza di Geolier

Geolier rientra a Napoli, nella sua Secondigliano, accolto come un eroe dagli abitanti: “Il Rione…

Ghali, l’ambasciatore e l’equilibrio

La polemica sulla frase “Stop al genocidio” del cantante Ghali: nessuna superficialità ma, semmai…

Marley, il primo quattro zampe a Sanremo

Il primo quattro zampe a Sanremo: Marley, il cane cieco che rischiava la soppressione – e poi ado…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI