app-menu Social mobile

Inquadra e leggi gratis
La Ragione su app

Gli inglesi tornano a once e libbre

La nuova iniziativa del governo di Boris Johnson, prevede il ripristino dei vecchi pesi imperiali,  tornando ad usare libbre  ed once.

Hanno la guida a destra, hanno sempre usato la sterlina anche quando facevano parte dell’Unione europea, hanno una regina, principi e duchi. L’Inghilterra, si sa, è sempre stato un Paese a sé. Con l’avvento della Brexit assistiamo ogni giorno a novità su dazi doganali, problemi di importazione di prodotti e difficoltà per lavorare in un Paese che fino a pochi mesi fa era il sogno di milioni di giovani. Il governo di Boris Johnson adesso vuole apportare un’altra riforma: rimettere in uso le libbre e le once. Dite addio al sistema di Napoleone. L’Inghilterra e la sua Brexit hanno vinto, il Paese è di nuovo indipendente.

Il ripristino dei vecchi pesi imperiali, richiesti da lungo tempo dai brexiter che si sono risentiti dell’imposizione di misure metriche da parte di Bruxelles, è stato tra i principali potenziali vantaggi dell’uscita del Regno Unito dall’Ue. Fino a oggi i negozianti potevano sì scrivere i pesi in once e libbre, ma sempre accompagnandoli con il sistema metrico decimale. Con Boris Johnson saranno invece liberi di utilizzare per i pesi dei loro prodotti le sole misure inglesi. I sostenitori dell’uscita dall’Europa hanno accolto molto positivamente il cambiamento, così annunciato dal ministro della Brexit David Frost: «È solo l’inizio. Il governo andrà oltre e più velocemente per creare un ambiente normativo competitivo e di standard elevati che supporti l’innovazione e la crescita in tutto il Regno Unito mentre ci rialziamo meglio dalla pandemia».

Nel 2001 il fruttivendolo di Sunderland Steve Thoburn venne condannato per due violazioni della legge sui pesi e sulle misure dopo essere stato scoperto dai funzionari degli standard commerciali, che avevano acquistato sotto copertura delle banane che lui pesava in misure imperiali. Il caso alimentò sentimenti anti-Ue e Boris Johnson ne scrisse quando era direttore di “The Spectator”. Diventato primo ministro nel 2019, ha promesso: «Riporteremo quell’antica libertà. La gente capisce cos’è una libbra di mele. Ci sarà un’era di generosità e tolleranza verso le misurazioni tradizionali». Per gli europei non sarà certo facile. Una libbra equivale a 450 grammi, ma è composta di 16 once, che dunque equivalgono ciascuna a circa 28 grammi.

Nel frattempo, il governo britannico ha deciso di posticipare alcune delle scadenze previste per l’introduzione di controlli sulle merci in entrata in Uk dalla Ue. «Vogliamo che le imprese si concentrino sulla ripresa post pandemia piuttosto che affrontare nuovi requisiti alla frontiera, quindi abbiamo stabilito un nuovo calendario pragmatico per l’introduzione di controlli completi alle frontiere», ha annunciato il ministro Frost. Probabilmente a Londra e nei maggiori centri del Regno cambierà poco o nulla, in particolare nei supermercati, mentre sono pronti ad accogliere l’iniziativa i negozianti locali delle zone più rurali del Paese.

di Melania Guarda Ceccoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl