app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Che fine hanno fatto le app di tracciamento?

Le app di tracciamento fra cui la nostra Immuni sembravano un flop: problemi di trasparenza, dicevano. Ma adesso che è grazie ad esse che si può ottenere il Green Pass, come faranno gli scettici della privacy?

Sembra essere resuscitata, da qualche tempo, la vecchia app di tracciamento Immuni, che ha fatto discutere a lungo durante la pandemia.
Dopo il flop delle tracing app un po’ in tutta Europa, Immuni sembrava essere uscita di scena, all’ombra della più chiacchierata appIO, l’app del cashback per cui gli italiani hanno fatto follie. Non passava giorno senza che qualche furbo provasse a raggirare il sistema con 200 microtransazioni, pregustando un super caschback alla fine congelato.

E infatti l’idea di intascarsi 150 euro a spese dello Stato ha finito per prevaricare il più rilevante tema del tracciamento.
Fallisce in Italia il tentativo di prevenire i focolai nella fatidica ‘Fase due’ e la ragione è dovuta al basso numero di download dell’app.

Questioni di privacy: cosa fa lo Stato coi dati che raccoglie? Chi mi assicura che le persone con cui entro in contatto poi non otterranno i dati del mio smartphone? O ancora, chi ha scelto quali sono i dati che il governo può ottenere?
In tantissimi hanno messo in dubbio la trasparenza dell’applicazione, nonostante il codice fosse disponibile in open source e diversi controlli ne abbiano garantito la sicurezza; eppure non è bastato, e Immuni è diventato un caso archiviato.

Da qualche settimana però serpeggia sulla bocca di giornalisti e politici il nome del Green Pass, per spostarsi in libertà.
Uno dei modi per ottenerlo? Immuni.

Insomma quell’app, che credevamo già morta e sepolta nel nostro cellulare, ora torna sui notiziari nazionali.
In realtà il Green Pass è disponibile anche nella stessa appIO, ma allora perché molti stanno ricorrendo di nuovo a Immuni? Perché con IO bisogna, paradossalmente, fornire delle credenziali tra cui lo Spid, identità digitale che hanno ancora in pochi.
È molto più semplice entrare in una app che invece non chiede nessun dato d’accesso, se non quelli del vaccino.
A questo punto la domanda sorge spontanea: e i problemi di privacy?

 

di Emma Giametta

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl