app-menu Social mobile

Inquadra e leggi gratis
La Ragione su app

La felicità in un abbraccio

Negli anni segnati dal Covid gli Azzurri ci ricordano che nulla vale più di una vittoria cercata e meritata e di una gioia condivisa.

La ricorderemo per sempre come l’estate degli abbracci. Immagini destinate a restare.

Prima Roberto Mancini e Gianluca Vialli, in una cavalcata europea resa possibile anche grazie a un’amicizia più forte degli anni, delle vicissitudini della vita e dei conti salati che sa presentarti.

Poi, già nella leggenda, Marcell Jacobs e Gimbo Tamberi, oltre il traguardo dei 100 metri dei Giochi, in cui c’è tutta la magnifica incredulità di 20 minuti folli. I più belli della storia del nostro sport. Quando si scrive di Olimpiadi, è facile cedere alla tentazione dell’epica, lasciarsi andare ben oltre la cronaca, per quanto appassionata. In questo caso, la doppia impresa di domenica merita ogni singola iperbole che abbiamo letto o ascoltato. Un uno-due da conservare gelosamente nella nostra memoria.

Ognuno di noi, del resto, metabolizzerà la propria versione del pomeriggio d’oro dello sport italiano. È il modo in cui un’impresa sportiva si trasforma in patrimonio comune, di gioie condivise e dal sapore irripetibile.

Sono pochissime quelle che non scoloriscono, resistendo al tempo. Crescono insieme a noi e ci accompagnano per una vita intera. Sono i ricordi di future e lontane serate, passate a raccontare a chi non c’era di quanto sia stato meraviglioso anche solo aver potuto guardare e urlare. Siamo ancora immersi in un passaggio storico di incredibile delicatezza, alle prese con una pandemia che non molla e che ci ha costretto a basare la nostra quotidianità sulla distanza tra le persone (condita da una buona dose di diffidenza).

Questa splendida estate di abbracci spontanei, veri e sentiti può essere il miglior antidoto alla paura che il virus lasci tracce fin troppo indelebili. Nel cercarsi di Roberto e Gianluca, Marcell e Gianmarco, c’è tutta l’inarginabile forza della vita. Quella che nasce dalla fatica, dalle rinunce e dalla consapevolezza che hai dato tutto quello che avevi da dare. Senza sconti, innanzitutto a te stesso. Godiamoceli, ma troviamo la forza di andare oltre la pura felicità degli abbracci. Riflettiamo su quanto sacrificio e impegno serva per arrivare sin lì.

Volare come Marcell, Gimbo e Vanessa Ferrari, la donna che mette in fila le ragazzine e agguanta un argento nella ginnastica artistica che vale un’esistenza.

Per realizzare i propri sogni, non esistono scorciatoie. Non è una regola dello sport, vale per ciascuno di noi. Bisogna accettare il confronto con i più forti, credendo che nulla sia impossibile in partenza.

Come Gimbo, che aveva perso il mondo cinque anni fa e domenica l’ha ritrovato a Tokyo. Scrivendo la sua storia su un gesso, con lo stesso sorriso disarmante dei ragazzini che giocano a pallone anche con una gamba rotta.

Come Marcell, nei 100 m, la gara delle gare. Credendo in sé stesso e nella pazza idea che il successore di Usain Bolt potesse essere un ragazzone venuto da Brescia. Proprio lui che di vite, a soli 26 anni, ne ha già vissute un paio e questa è così bella da illuminare l’Olimpo.

 

di Diego de la Vega

 

Leggi anche

Registrati e leggi gratis La Ragione!

Accedi

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl