app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Salute & mercato

Cancellare i brevetti sui vaccini non garantirebbe maggiori dosi. Il rischio è che la qualità della ricerca si abbassi con un costo tremendo sull’economia e le nostre vite.
| ,

Salute & mercato

Cancellare i brevetti sui vaccini non garantirebbe maggiori dosi. Il rischio è che la qualità della ricerca si abbassi con un costo tremendo sull’economia e le nostre vite.
| ,

Salute & mercato

Cancellare i brevetti sui vaccini non garantirebbe maggiori dosi. Il rischio è che la qualità della ricerca si abbassi con un costo tremendo sull’economia e le nostre vite.
| ,
| ,
Cancellare i brevetti sui vaccini non garantirebbe maggiori dosi. Il rischio è che la qualità della ricerca si abbassi con un costo tremendo sull’economia e le nostre vite.
Ma siamo sicuri che liberarsi dai brevetti sui vaccini significhi liberarsi dalla pandemia? È vero, Pfizer ha fatto il botto perché mai nella storia un prodotto ha conquistato un mercato così grande in un tempo così breve; ma mai nella storia un farmaco ha avuto un impatto così rilevante non sui bilanci del produttore, che è cosa scontata, ma sulla economia globale: senza il vaccino e senza una cura oggi le nostre libertà sarebbero quasi cancellate per ragioni di sopravvivenza e vivremmo una crisi economica senza precedenti. Sono tutti uguali i vaccini sul mercato? No, alcuni sono nettamente più efficaci di altri, in particolare quelli a tecnologia mRna sono migliori e con meno effetti collaterali di quelli a tecnologia tradizionale, a dimostrazione che il progresso tecnologico ha effetti formidabili. Tale progresso nasce dalla ricerca, in questo caso già molto avanzata per una malattia difficilissima: il cancro. Si è rivelata molto efficace e immediatamente disponibile per una malattia tutto sommato banale come l’infezione da Coronavirus. Senza l’investimento in ricerca probabilmente saremmo stati vaccinati con prodotti tradizionali la cui efficacia si sta dimostrando ridotta e senza una protezione brevettuale nessuna casa farmaceutica farebbe ricerca. Potremmo dire che il ragionamento finisce qui ma vale la pena di aggiungere un paio di cose, in primo luogo che far cadere i brevetti non significa automaticamente avere dosi per tutti. O meglio, avere dosi efficaci per tutti perché Sputnik e Sinovac stanno a dimostrare che la cosa non è semplice. Sputnik è un buon vaccino, d’altro canto i russi con la biochimica militare ci sanno fare, ma la scarsa affidabilità del sistema di produzione non ha ottenuto le certificazioni richieste in Occidente e non ha nemmeno conquistato la fiducia degli stessi russi. Quello cinese dove è stato massicciamente impiegato non ha garantito l’immunità, lascia a Xi la possibilità di far bella figura in Africa ma fa nascere una domanda: se fosse efficace, perché i cinesi insistono per far cadere i brevetti degli altri vaccini? Da ultimo, i vaccini efficaci a base di tecnologia mRna hanno una catena di subfornitura complessa (e nella quale probabilmente si troverebbero componenti a loro volta coperti da brevetto) e un sistema di produzione e distribuzione raffinato. Ricordate l’incubo iniziale della ‘catena del freddo’? Trasferire questa filiera in Paesi in via di sviluppo non è né facile né immediato, salvo accettare di mettere a loro disposizione vaccini tradizionali sì prodotti in loco ma con capacità di protezione scarsa. Cancellare i brevetti non garantisce maggiori dosi, rischia di abbassare la qualità della ricerca e, di conseguenza, avrebbe un costo tremendo sulla economia e sulle nostre vite. Si può fare ma va fatto bene, senza retorica anti profitti. E in ogni caso non basta.   di Flavio Pasotti

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Vaccinazioni dei bambini ferme ai livelli pre-Covid

18 Luglio 2024
Più di 21 milioni di bambini nel mondo non sono stati vaccinati nel corso dello scorso anno, olt…

Agli italiani la sanità piace tanto

12 Luglio 2024
Secondo l’ultima indagine Censis, il 91,7% degli italiani si dice molto orgoglioso del sistema s…

Addominali col filtro

30 Giugno 2024
La nuova moda tutta maschile dei muscoli scolpiti con il laser: si chiama abdominal etching

Abbattere lo stigma della malattia si può: il progetto Teseo

20 Giugno 2024
Il progetto Teseo, con il sostegno di Fondazione Cariplo e Don Gnocchi, è impegnato nel costruir…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI