app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Piscina Terme di Crotone

Morti in piscina, le regole ci sono mancano i controlli

La tragedia della morte di un bimbo di otto anni alle Terme di Cretone porta alla ribalta il tema della violazione sistemica delle regole nelle piscine
|

Morti in piscina, le regole ci sono mancano i controlli

La tragedia della morte di un bimbo di otto anni alle Terme di Cretone porta alla ribalta il tema della violazione sistemica delle regole nelle piscine
|

Morti in piscina, le regole ci sono mancano i controlli

La tragedia della morte di un bimbo di otto anni alle Terme di Cretone porta alla ribalta il tema della violazione sistemica delle regole nelle piscine
|
|
La tragedia della morte di un bimbo di otto anni alle Terme di Cretone porta alla ribalta il tema della violazione sistemica delle regole nelle piscine
Non è questione di assenza di norme. È questione di rispettarle, quelle regole. La tragedia della della morte di un bambino di otto anni alle Terme di Cretone ha ancora parecchi punti da chiarire. Al momento quattro persone sono indagate per omicidio colposo. Ma un tassello, ulteriormente inquietante, lo aggiunge la testimonianza di un bagnino che quel giorno era lì. Secondo quest’uomo la grata per proteggere le condutture di scarico da cui è stato risucchiato il piccolo Stephan, lì non c’era. Non solo in quel momento, non c’era mai stata prima. Il motivo sarebbe la volontà di accelerare le procedure di svuotamento della vasca, dopo la chiusura della piscina. Per risparmiare sugli straordinari dei dipendenti. Una versione naturalmente da verificare, ma che lascerebbe intendere una violazione sistematica delle norme. Da capire anche perché lo svuotamento della vasca sia partito quando ancora c’erano persone all’interno della struttura. Se anche Stephan fosse caduto, certe operazioni non andrebbero fatte soltanto dopo che tutti sono usciti? Certo, se la fretta sia stata conseguenza di una volontà di risparmiare, sarebbe ancora più grave. Ma in ogni caso, al di là di questa singola tragedia, rimane il tema dei controlli. Perché le regole ci sono. Non si tratta di essere più stringenti nelle normative, quanto di preoccuparsi che le verifiche vengano effettuate. Perché accanto ai comportamenti accorti dei bagnanti, è necessario ci siano gestori responsabili. di Annalisa Grandi

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Giacomo Bozzoli è stato arrestato nella sua villa di Soiano sul Garda

11 Luglio 2024
Dopo dieci giorni di latitanza, Giacomo Bozzoli è stato arrestato questo pomeriggio nella sua ab…

Angelica: «Minacce e revenge porn da Morgan, anche Calcutta pedinato»

10 Luglio 2024
È bufera su Morgan, accusato da Angelica Schiatti di stalking e diffamazione. Warner lo scarica,…

Strage Erba, giudici: “Istanza inammissibile”. Olindo e Rosa restano all’ergastolo

10 Luglio 2024
La corte d’Appello di Brescia presieduta da Antonio Minervini ritiene inammissibili le istanze d…

Strage di Bologna, confermato l’ergastolo per Bellini

08 Luglio 2024
Confermato l’ergastolo per l’ex terrorista Paolo Bellini. Anna Pizzirani, vicepresidente dell’as…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI