app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

In cerca della ricerca, l’Italia è rimasta indietro

Occorre investire nella ricerca. L’Italia dorme e il tempo stringe.

In cerca della ricerca, l’Italia è rimasta indietro

Occorre investire nella ricerca. L’Italia dorme e il tempo stringe.

In cerca della ricerca, l’Italia è rimasta indietro

Occorre investire nella ricerca. L’Italia dorme e il tempo stringe.
Occorre investire nella ricerca. L’Italia dorme e il tempo stringe.
Occorre investire adeguatamente nella ricerca, senza escludere la ricerca di base, puntando all’eccellenza, ovvero a una ricerca riconosciuta a livello internazionale per l’impatto che produce sulla nuova conoscenza e sui nuovi modelli in tutti i campi scientifici». Così Mario Draghi all’interno del suo discorso programmatico. Ci si poteva immaginare, quindi, che il suo esecutivo avrebbe investito maggiormente in un settore fondamentale come la Ricerca e lo Sviluppo (R&S). Tra gli obiettivi per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva della strategia decennale “Europa 2020” della Commissione europea, infatti, si chiedeva a ogni Paese di portare l’investimento in R&S al 3% del proprio Pil entro il 2020. Sfortunatamente solo Svezia, Austria, Germania, Danimarca, Fin- landia e Belgio negli ultimi anni stanno seguendo adeguatamente questo traguardo. L’Italia, invece, spende meno della metà del valore richiesto dall’Ue: sono bassi sia gli investimenti pubblici, legati soprattutto alla ricerca di base, che quelli privati, solitamente rivolti alla ricerca applicata. Inoltre i finanziamenti privati sono concentrati per il 75% in cinque regioni del Nord, mentre il Mezzo- giorno è fortemente dipendente dalle poche risorse pubbliche disposte per la ricerca. In merito a queste problematiche, il fisico Ugo Amaldi ha proposto di investire gradualmente sempre più nella ricerca e, grazie al collega Federico Ronchetti, la petizione si è diffusa con il nome di “Piano Amaldi”. Nonostante la quarta missione del Pnrr italiano si occupi di Istruzione e Ricerca, i fondi destinati a quest’ultima risultano però assolutamente insufficienti per rilanciare il settore e diminuire il divario con Paesi come Francia e Germania. Il “Piano Amaldi” non è stato ascoltato, come tutti coloro che avrebbero desiderato un’attenzione superiore al settore. Occorre invertire la rotta se vogliamo veramente aumentare competitività e produttività della nostra nazione. Non c’è più tempo da perdere.   di Matteo Hallissey

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Arte, valorizzazione e mercato

Arte e mercato: come poter aumentare il flusso di visitatori nei musei?

Google Maps è solo la punta dell’iceberg

Uno dei tre articoli finalisti della borsa di studio in collaborazione con l’Università IULM per …

Come rendere l’Intelligenza Artificiale alla portata di tutti?

Uno dei tre articoli finalisti della borsa di studio in collaborazione con l’Università IULM per …

Il cinema ha sempre danzato con caso e necessità

Uno dei tre articoli finalisti della borsa di studio in collaborazione con l’Università IULM per …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI