app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Sempre più spettatori in streaming

Uno dei tre articoli finalisti della borsa di studio in collaborazione con l’Università IULM per il corso di studi “Televisione, cinema e new media”. Il tema è: sempre più spettatori vedono film sulle piattaforme e non in sala.
|

Sempre più spettatori in streaming

Uno dei tre articoli finalisti della borsa di studio in collaborazione con l’Università IULM per il corso di studi “Televisione, cinema e new media”. Il tema è: sempre più spettatori vedono film sulle piattaforme e non in sala.
|

Sempre più spettatori in streaming

Uno dei tre articoli finalisti della borsa di studio in collaborazione con l’Università IULM per il corso di studi “Televisione, cinema e new media”. Il tema è: sempre più spettatori vedono film sulle piattaforme e non in sala.
|
|
Uno dei tre articoli finalisti della borsa di studio in collaborazione con l’Università IULM per il corso di studi “Televisione, cinema e new media”. Il tema è: sempre più spettatori vedono film sulle piattaforme e non in sala.

Le nuove forme di mediazione, così come le nuove pratiche di fruizione e di consumo, hanno portato a mutamenti sostanziali, come la dissoluzione degli apparati mediali tradizionali. L’idea di esperienza e di comunità cinematografica che abbiamo imparato a costruire è stata pesantemente modificata – secondo alcuni danneggiata, secondo altri rinnovata. Anche lo spettatore ha subito un feroce mutamento: se prima era un soggetto fermo di fronte ad uno schermo, ora “lo spettatore non si definisce più nell’atto del guardare ma fa del guardare una delle sue tante attività”.

Il nuovo spettatore guarda la maggior parte dei film in streaming, privandosi della magia in sala. Il cinema si è espanso, non si è ridotto. Ha invaso le nostre case, raggiungendoci ovunque e migrando su altri dispositivi, vedendo la sua forma ridursi alla grandezza di un piccolo schermo. Con la moltiplicazione dei modi di fruire un film e la fine della centralità della sala, “l’esperienza filmica ha allargato i propri confini”. Steven Spielberg e George Lucas, già nel lontano 2013, avevano previsto l’imminente arrivo di un panorama radicalmente diverso. Lucas previde la graduale migrazione del business cinematografico su piattaforme online (cosa che, del resto, sta già avvenendo). Spielberg si spinse ancora più in là, dicendo che non potremo mai parlare di immersione fintanto che fisseremo un “rettangolo” – alludendo alla fine della mediazione. Molto interessante è stata la dichiarazione di Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival.

In futuro, tra cinematografia e piattaforme, esisterà una sorta di compresenza: «Le sale soffriranno ma non scompariranno, mentre le piattaforme si differenzieranno ancora di più, anche con il cinema d’autore». È anche vero, però , che i colossi dello streaming stiano affrontando dei periodi di crisi non poco rilevanti. Il loro modello di business si sta rivelando essere non più sostenibile. Alcuni, infatti, hanno dovuto inserire anche la pubblicità – cosa non apprezzata dagli spettatori. Indipendentemente da ciò che accadrà, è importante osservare come al momento stiamo vivendo una fase di transizione senza eguali. Il cinema ha da sempre dimostrato di essere in grado di stare al passo con le nuove tecnologie: così come si è modificato nel tempo, continuerà a farsi modificare. Interrogarsi sull’esperienza filmica può aiutare a capire meglio le trasformazioni attuali – se siamo alla fine di una storia o ad una diversa fase di un cammino già formato.

Di Lautaro Alvarez

Arte, valorizzazione e mercato

Arte e mercato: come poter aumentare il flusso di visitatori nei musei?

Google Maps è solo la punta dell’iceberg

Uno dei tre articoli finalisti della borsa di studio in collaborazione con l’Università IULM per …

Come rendere l’Intelligenza Artificiale alla portata di tutti?

Uno dei tre articoli finalisti della borsa di studio in collaborazione con l’Università IULM per …

Il cinema ha sempre danzato con caso e necessità

Uno dei tre articoli finalisti della borsa di studio in collaborazione con l’Università IULM per …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl