app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Settimana stracorta contro la vita frenetica

La settimana lavorativa ridotta a quattro giorni per un maggiore equilibrio tra vita privata e lavoro. Spagna e Giappone già ne parlano. Considerazioni e previsioni sullo scenario italiano.

Settimana stracorta contro la vita frenetica

La settimana lavorativa ridotta a quattro giorni per un maggiore equilibrio tra vita privata e lavoro. Spagna e Giappone già ne parlano. Considerazioni e previsioni sullo scenario italiano.

Settimana stracorta contro la vita frenetica

La settimana lavorativa ridotta a quattro giorni per un maggiore equilibrio tra vita privata e lavoro. Spagna e Giappone già ne parlano. Considerazioni e previsioni sullo scenario italiano.
La settimana lavorativa ridotta a quattro giorni per un maggiore equilibrio tra vita privata e lavoro. Spagna e Giappone già ne parlano. Considerazioni e previsioni sullo scenario italiano.
Era il 2012 quando usciva nelle sale “In Time”, il film che rappresenta un futuro distopico in cui la nuova moneta altro non è che il tempo. Oggi abbiamo molti modi per effettuare transazioni offline e online, scegliendo tra moneta o crypto valute ma il tempo rimane solo un qualcosa che possiamo vendere e mai acquistare. Ultimamente in varie parti del mondo, dalla Spagna al Giappone, si parla della settimana lavorativa di quattro giorni per permettere un maggior equilibrio tra vita privata e lavoro: una tesi che sembra venir confermata nella pratica pure in Giappone – un Paese che vede nelle morti date da infarto per il troppo lavoro il massimo del prestigio sociale che una persona possa ottenere – dove punta ad aumentare i livelli di produttività, di concentrazione ma soprattutto di benessere fisico e mentale. Siamo nell’epoca della postmodernità e il benessere viene prima della sopravvivenza ma una tematica così semplice e allo stesso tempo complicata da attuare – seppure si presenti come uno scudo con il quale proteggerci dall’alienazione e da altre tipologie di disturbi – è ancora poco discussa e considerata. Nel momento in cui entrerà davvero nel dibattito pubblico anche nel nostro Paese, questa proposta vedrà sicuramente i sostenitori proporlo come il naturale processo di evoluzione della nostra società e gli oppositori dovranno sforzarsi di far leva sull’emotività del pubblico citando sedicenti studi (leggasi fake news o frasi alla «Mio cugino mi ha detto») che mostrano come i giovani lavorando un giorno in meno a settimana si ritroveranno un’esistenza perduta, come se poi interessasse soltanto loro. Per ora l’unico punto a sfavore di questa medicina a molti mali della nostra attuale vita frenetica sembra essere la possibilità di applicarlo a tutti i lavori e di non pesare eccessivamente per quanto riguarda il cuneo fiscale, rischiando di scoraggiare le assunzioni o di favorire il “lavori un giorno in più, comunque, ma in nero”. Non sappiamo quando ne vedremo parlare seriamente nei nostri salotti televisivi e quale sarà il risultato ma possiamo solo dire che sarà un tema divisivo anche se alle polarizzazioni senza dialogo ci abbiamo fatto l’abitudine. di Aurora Rexhepi e Riccardo Valle

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Arte, valorizzazione e mercato

Arte e mercato: come poter aumentare il flusso di visitatori nei musei?

Google Maps è solo la punta dell’iceberg

Uno dei tre articoli finalisti della borsa di studio in collaborazione con l’Università IULM per …

Come rendere l’Intelligenza Artificiale alla portata di tutti?

Uno dei tre articoli finalisti della borsa di studio in collaborazione con l’Università IULM per …

Il cinema ha sempre danzato con caso e necessità

Uno dei tre articoli finalisti della borsa di studio in collaborazione con l’Università IULM per …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI