app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Non lasciare che i migliori attendano

La classe politica necessita di due pre-requisiti: qualità e selezione. E su questo i cittadini nulla possono. Occorre che i partiti ricomincino a candidare i loro migliori rappresentanti.
|

Non lasciare che i migliori attendano

La classe politica necessita di due pre-requisiti: qualità e selezione. E su questo i cittadini nulla possono. Occorre che i partiti ricomincino a candidare i loro migliori rappresentanti.
|

Non lasciare che i migliori attendano

La classe politica necessita di due pre-requisiti: qualità e selezione. E su questo i cittadini nulla possono. Occorre che i partiti ricomincino a candidare i loro migliori rappresentanti.
|
|
La classe politica necessita di due pre-requisiti: qualità e selezione. E su questo i cittadini nulla possono. Occorre che i partiti ricomincino a candidare i loro migliori rappresentanti.
Per essere efficace quando governa, la classe politica necessita di due pre-requisiti complementari: qualità e selezione. Nella selezione in democrazia un ruolo decisivo lo hanno gli elettori quando vanno a votare. Ma sulla qualità e sulle selezioni precedenti, quelle che portano i partiti e i movimenti a scegliere i propri candidati, i cittadini nulla possono. O quasi. Nella selezione iniziale decide la politica. Questo ragionamento ben si incastra con le parole che in questi giorni di elezioni amministrative ha pronunciato Silvio Berlusconi. Nella noiosa domenica del voto il leader di Forza Italia ha detto: «I candidati vengono fuori dalle scelte di questo o quel leader di partito invece che da scelte democratiche, quindi forse la prossima volta bisognerà cambiare sistema». Che il tema – contati i voti – su come scegliere le persone vada aperto nel centrodestra tra Lega, FI e Fd’I è cosa ovvia. Ma l’argomento, sia chiaro, riguarda anche il centrosinistra e i grillini. La decadenza della classe politica in Italia è infatti passata prima dalla caccia al candidato più popolare, anche se non all’altezza, per poi passare addirittura alla ricerca di quello meno popolare. Che non rappresenta nessuno. Con i leader delle forze politiche trincerati dietro l’ultimo like. Un tradimento dei migliori che negli anni recenti ha spinto la politica a chiedere aiuto ai tecnici (vedi Monti o Draghi) per non far finire il Paese a gambe all’aria. Ergo, un consiglio a tutti i partiti: ricomincino a candidarli. I migliori.   Di Jean Valjean

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Protesta italiana per il Mediterraneo a uno spagnolo

20 Luglio 2024
Perché nominare uno spagnolo come rappresentante speciale della Nato per i rapporti con i Paesi …

ReVisioni politiche

20 Luglio 2024
Tante posture e parole d’ordine hanno traslocato da sinistra a destra e viceversa. Un’analisi di…

Taxi, cade l’ultimo velo della vergogna

20 Luglio 2024
Taxi, arriva la sentenza della Corte costituzionale: “Il blocco delle licenze lede i diritti dei…

Quando l’ideologia sfocia nell’irrilevanza

19 Luglio 2024
La scelta di FdI di votare contro la conferma di Ursula Von der Leyen mostra tutta l’irrilevanza…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI