app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
brexit

La Brexit non va più di moda

Il paradiso della Brexit è rimasto immaginario, soppiantato da una realtà amara fatta di crescenti difficoltà per il mondo del lavoro, del commercio e dei servizi britannici

|

La Brexit non va più di moda

Il paradiso della Brexit è rimasto immaginario, soppiantato da una realtà amara fatta di crescenti difficoltà per il mondo del lavoro, del commercio e dei servizi britannici

|

La Brexit non va più di moda

Il paradiso della Brexit è rimasto immaginario, soppiantato da una realtà amara fatta di crescenti difficoltà per il mondo del lavoro, del commercio e dei servizi britannici

|
|

Il paradiso della Brexit è rimasto immaginario, soppiantato da una realtà amara fatta di crescenti difficoltà per il mondo del lavoro, del commercio e dei servizi britannici

Sembra appena ieri, quando anche in Italia andava di gran moda la Brexit e il sostegno alla ritrovata libertà” dei sudditi di sua maestà, finalmente affrancati dall’insopportabile giogo di Bruxelles. Il punto più alto raggiunto dall’ondata populista-sovranista, che nel 2016 fece tremare sino alle fondamenta la costruzione europea.

Il paradiso della Brexit è però rimasto immaginario, soppiantato da una realtà amara fatta di crescenti difficoltà per il mondo del lavoro, del commercio e dei servizi britannici. Brexit non funziona, come avevano avvertito tutti quei noiosi esperti a lungo sbugiardati come servi dell’Europa ma in fin dei conti solo onesti osservatori della realtà. Ormai cominciano a cedere anche i più feroci sostenitori dell’uscita dall’Unione: il 33% di coloro che pensano di votare per i Conservatori alle prossime elezioni sostiene che la Brexit abbia creato più problemi che soluzioni e opportunità. Il 22% di chi si dichiara vicino ai Tory crede che luscita dall’Ue sia stata positiva, mentre il 32% degli elettori potenzialmente conservatori pensa che laddio all’Ue non abbia fatto una gran differenza.

Solo un sondaggio, si dirà, ma gli umori della pubblica opinione contano e un governo ancora in mezzo al guado, come quello del premier Sunak, non potrà non tenerne conto. Intanto, cosa impensabile solo pochi mesi fa, in terra britannica spuntano i primi politologi secondo i quali Brexit non è un processo irreversibile
di Marco Sallustro 

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Una lezione ‘repubblicana’ per Trump

23 Aprile 2024
Gli aiuti sbloccati dagli Usa verso Kiev, al voto oggi in Senato, si sono rivelati un boomerang …

Melesia, scontro tra due elicotteri militari

23 Aprile 2024
È di 10 morti il bilancio dello scontro di questa mattina tra due elicotteri militari in Malesia…

Attacco russo a Kharkiv (Ucraina) colpisce la torre della televisione

22 Aprile 2024
A Kharkiv (Ucraina) un attacco aereo russo ha colpito la torre della televisione causando l’inte…

Si è dimesso Aharon Haliva, il capo dell’intelligence militare di Israele

22 Aprile 2024
Le parole scritte da Aharon Haliva, ormai ex capo dell’intelligence militare di Israele, nella l…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI