app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

L’idea di Boris clandestini a seimila km

Il premier britannico Boris Johnson ha annunciato che chi proverà ad entrare illegalmente nel Regno Unito verrà trasferito in Ruanda – a 6mila km di distanza nel continente africano – in attesa del disbrigo delle pratiche burocratiche.

| ,

A guardare una cartina geografica si può restare allibiti: il premier britannico Boris Johnson ha annunciato che chi proverà a entrare illegalmente nel Regno Unito verrà trasferito in Ruanda – ripetiamo: il Ruanda, a 6mila km di distanza nel continente africano – in attesa del disbrigo delle pratiche burocratiche.

Il governo conservatore starebbe per firmare un accordo del valore di circa 120 milioni di sterline con il governo di Kigali, in modo che quest’ultimo si accolli le spese di accoglienza degli immigrati illegali e svolga sul proprio territorio le pratiche burocratiche.

Il progetto conservatore è stato bollato dall’Unione europea come una «politica disumana e non dignitosa». Per ora, in realtà, siamo all’effetto annuncio: l’accordo con il lontano Paese africano non c’è e si sarebbe allo stadio di intenzioni, anche per rispondere mediaticamente all’ondata di sbarchi, arrivati a toccare nella sola giornata dell’altro ieri le 600 unità. La Manica – e questo è certo – sarà intanto pattugliata dai mezzi della Royal Navy, per aumentare il controllo dei confini.

Inseguito dalle polemiche in patria, per la vicenda dei party in pieno lockdown costatigli anche una multa, probabilmente a Boris Johnson non è parso vero di poter sfruttare la ‘libertàriconquistata nei confronti delle norme europee per inventarsi “l’effetto Ruanda“. Lezione utile anche per i fan dell’antieuropeismo di casa nostra: sempre meglio avere un quadro di norme che metta al riparo da colpi di testa e trovate propagandistiche.

 

di Marco Sallustro

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl