app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
Naufragio peschereccio

Naufragano l’umanità e la decenza

Dopo il naufragio del peschereccio diretto in Italia e affondato della notte tra martedì e mercoledì in acque internazionali, a sud del Peloponneso, è di nuovo bufera
|

Ancora, ancora e ancora. Non potrà mai essere l’ultima tragedia, in queste condizioni.

Solo pochi mesi fa restammo sconvolti dal naufragio di Cutro, dalla morte di tanti a centinaia o decine di metri dalle nostre coste. Le polemiche non si sono mai spente, aspettiamo di capire cosa realmente accadde quella notte, cosa si inceppò nella macchina dei soccorsi.

Oggi, non abbiamo neppure idea di quante decine di persone manchino all’appello nel naufragio del peschereccio diretto in Italia e affondato della notte tra martedì e mercoledì in acque internazionali, a sud del Peloponneso. Il Paese più vicino era la Grecia e la Guardia costiera di Atene – reduce dallo sconvolgente video dei migranti lasciati alla deriva nell’Egeoè di nuovo nella bufera, nel consueto e ributtante balletto di questi casi: “Siamo intervenuti”, “Non sono intervenuti, “Non hanno voluto essere aiutati”, “Hanno ignorato gli appelli”…

La solita litania che accompagna i soliti articoli, i soliti commenti, i soliti bilanci spaventosi e inevitabilmente imprecisi. La conta delle vittime si “ferma” a 79, ma è una cifra priva di senso: in 104 – tutti uomini – sono stati tratti in salvo. Nessuno sa dire quante fossero le anime a bordo di quel rottame inabissatosi lì dove il Mar Mediterraneo è più profondo, l’abisso di Calipso con i suoi 5100 metri di profondità.

Da Tobruk, nella Libia del generale Haftar, il peschereccio era salpato con un numero imprecisato di persone stipate ovunque. Si dice fra le 500 e le 700. I calcoli sono presto fatti e raggelanti, così come le testimonianze dei sopravvissuti, secondo le quali donne e bambini erano tutti sotto coperta.

È un fatto che l’allarme sia stato lanciato, un altro fatto è che al momento del disastro non ci fossero navi pronte a soccorrere. Questa vergogna deve finire, il controllo dei mari e la macchina dei soccorsi deve essere sottratta alla responsabilità, al peso e alle polemiche dei singoli Paesi. Grecia e Italia sono i confini meridionali dell’Unione europea, va organizzata una macchina di controllo e soccorso dell’Ue, con tanto di rete di approdi e prima accoglienza centralizzata e cessione di sovranità.

Sembra fantascienza, lo sappiamo, per un’Unione che solo la scorsa settimana non è riuscita a varare i ricollocamenti obbligatori, ma o si fa qualcosa di concreto, coraggioso e definitivo (certo, anche gli accordi con i Paesi di partenza, ma non basta) o continueremo a contar morti.

Quando si possono contare, perché nel caso di ieri probabilmente non sapremo mai in quanti abbiano perso la vita. Non vedremo che una manciata di rottami di quelle vite spezzate, dispersi nelle acque di nessuno. Per troppi sarà facile voltarsi dall’altra parte o limitarsi a dire: “La colpa è dei greci“. Spetterà ad altri appurare le colpe, mentre l’umanità la stiamo smarrendo tutti.

 

di Fulvio Giuliani

Giustizia per Nala

Giustizia per Nala. Nala aveva già vissuto l’inferno e l’ha dovuto vivere ancora. Nala è morta. Q…

Rodi Garganico, uccidono un’anatra a bastonate

A Rodi Garganico quattro ragazzini, dopo aver trovato un’anatra – già agonizzante – sul ciglio de…

La sposa non vedente fa bendare tutti al suo matrimonio

Lucy Edwards, creator di TikTok, cieca da quando aveva 17 anni a causa di una rara patologia, ha …

Brescia, il cane Bamboo veglia la tomba della sua amica Carla

La storia di una grande amicizia racchiusa in una foto. La storia di Bamboo e della sua amica Car…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl