app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Diritti musicali Queen

Diritti musicali, un miliardo di sterline per i Queen

La Sony è pronta a pagare un miliardo di sterline (l’equivalente di circa 1,27 miliardi di dollari) per acquistare la musica dei Queen

|

Diritti musicali, un miliardo di sterline per i Queen

La Sony è pronta a pagare un miliardo di sterline (l’equivalente di circa 1,27 miliardi di dollari) per acquistare la musica dei Queen

|

Diritti musicali, un miliardo di sterline per i Queen

La Sony è pronta a pagare un miliardo di sterline (l’equivalente di circa 1,27 miliardi di dollari) per acquistare la musica dei Queen

|
|

La Sony è pronta a pagare un miliardo di sterline (l’equivalente di circa 1,27 miliardi di dollari) per acquistare la musica dei Queen

Sono passati quasi quarant’anni da quando Michael Jackson sconvolse il mondo annunciando di aver acquistato l’intero catalogo delle canzoni dei Beatles per 45 milioni di dollari. Pochissimi immaginarono all’epoca che la compravendita dei diritti musicali del repertorio delle star sarebbe un giorno diventata normalità.

Nessuno sarebbe mai arrivato a pensare quel che – se le voci sempre più insistenti dovessero rivelarsi vere – sembra ormai una certezza: la Sony è pronta a pagare un miliardo di sterline (l’equivalente di circa 1,27 miliardi di dollari) per acquistare la musica dei Queen, la band inglese dell’indimenticato Freddie Mercury, quelli di “Bohemian Rhapsody”, “We Are The Champions” e “Another One Bites The Dust”. È la somma più alta mai versata per un’operazione di questo tipo: tanto per capirsi, il catalogo di Bob Dylan era stato pagato nel 2020 450 milioni di dollari, una cinquantina di milioni in meno di quello di Bruce Springsteen. Lo scorso febbraio la stessa Sony aveva acquistato la metà delle canzoni di Michael Jackson per 600 milioni di dollari.

E siccome a certi livelli gli affari si curano nei minimi particolari – e a guadagnare milioni non ci si stanca mai – i membri superstiti dei Queen (il chitarrista Brian May, il batterista Roger Taylor e il bassista John Deacon) con gli eredi di Mercury hanno escluso dalla vendita i diritti sui concerti dal vivo: May e Taylor, entrambi abbondantemente over 70, continuano infatti a esibirsi live.

di Valentino Maimone

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

La musica di oggi si fa in casa

24 Luglio 2024
Con l’avvento dell’home recording, sono molti quelli che non sentono più l’esigenza di “chiuders…

Silvia Salemi e la sua “23 Ore”

23 Luglio 2024
Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Silvia Salemi su questa nuova fase della sua carriera …

I Toto costretti a cancellare la data ad Este

23 Luglio 2024
l tastierista e vocalist dei Toto Greg Philinganes ha un’indisposizione fisica e il concerto di …

Nick Mason e i segreti dei Pink Floyd

22 Luglio 2024
Due ore circa di concerto e un viaggio alle origini dei Pink Floyd con Nick Mason al Teatro Arci…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI