app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Carlo Fusi

Giornalista e commentatore, anacronistico amante della politica, cocciutamente popperiano, perdutamente romanista.

Se credono a quel che dicono si impegnino nella continuità

Se l’unità nazionale è la modalità politica migliore per rimettere in sesto il sistema-Italia, allora i partiti non la devono usare come coperta di Linus delle loro insufficienze. Le coalizioni sono salvifiche, le ammucchiate p…

Solo il vuoto

Dal futuro di Mario Draghi dipende l’equilibrio dell’Italia. Le forze politiche hanno il dovere di prendere una decisione per mettere in sicurezza il Paese, spiegando ai cittadini come vogliono procedere e cosa intendono fare p…

Non coscienti

La richiesta di Mattarella ai magistrati non è un invito e neppure un appello. Si tratta di un’istanza formale perché così il pianeta giustizia non può più andare avanti.

Senza partiti

Sorpresa, ma non troppo: il Parlamento riconoscerà ai suoi membri la pensione anche quando non dovessero arrivare a 4 anni, 6 mesi e un giorno di legislatura. Nessun problema quindi un’eventuale ritorno alle urne anticipato. La…

Uniti nella disunità

Il centrodestra assomiglia sempre di più a “L’Orlando innamorato”, colui «che del colpo non accorto andava combattendo ed era morto». L’assassino però non è nessuno dei tre: è SuperMario Draghi.

Partito democratico, aspettando una strategia

Il Partito Democratico ha visto sgretolarsi nel voto segreto sul ddl Zan il tesoretto appena guadagnato grazie al trionfo amministrativo. Questione che incrocia la partita più importante della legislatura: l’elezione del nuovo …

Berlusconi tra voto segreto e palese

Dopo la bocciatura del ddl Zan grazie ai franchi tiratori, nel centrosinistra si accende l’allarme per il probabile ritorno di Silvio Berlusconi. Questa volta addirittura al Quirinale.

Cocci a destra e slabbrature a sinistra

Dopo la disfatta delle amministrative, l’unica strada che resta al centrodestra per ricompattarsi è quella del Quirinale, sotto l’ala protettiva di Berlusconi.

Più che familiarizzare con la competizione si resterà in famiglia non votando

Ballottaggi a Roma e Torino. I mariti di Raggi e Appendino scelgono i candidati del centrodestra.

Il meno peggio o il peggio senza il meno

Ballottaggi: tutti in corsa per vincere il secondo e decisivo round.

Legami spuri

Ha fatto molto clamore mediatico la notizia di Luca Morisi, ex responsabile della comunicazione social della Lega di Matteo Salvini, indagato per presunta cessione di droga trovata in casa sua. Il garantismo ad intermittenza ti…

La leadership del silenzio di Draghi fa impallidire Mosé

Incuriosisce il silenzio di Draghi che lascia parlare quasi solamente i fatti, quanti più possibile e verificabili.