app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Mancini soldi

Mancini, i soldi e la Storia

Mancini, i soldi e la Storia. C’è qualcosa di profondamente sbagliato e stonato nell’addio di Mancini alla Nazionale. Nessun bonifico potrà rimpiazzare la forza delle passioni
|

Mancini, i soldi e la Storia

Mancini, i soldi e la Storia. C’è qualcosa di profondamente sbagliato e stonato nell’addio di Mancini alla Nazionale. Nessun bonifico potrà rimpiazzare la forza delle passioni
|

Mancini, i soldi e la Storia

Mancini, i soldi e la Storia. C’è qualcosa di profondamente sbagliato e stonato nell’addio di Mancini alla Nazionale. Nessun bonifico potrà rimpiazzare la forza delle passioni
|
|
Mancini, i soldi e la Storia. C’è qualcosa di profondamente sbagliato e stonato nell’addio di Mancini alla Nazionale. Nessun bonifico potrà rimpiazzare la forza delle passioni
C’è qualcosa di profondamente sbagliato e stonato nell’addio di Roberto Mancini alla Nazionale. La prudenza è sempre d’obbligo, almeno finché il diretto interessato non riuscirà a spiegare con le parole e soprattutto con le azioni i motivi della propria scelta. Comunque, inutile girarci intorno: le cause possono essere tante, le motivazioni più o meno condivisibili, ma se alla fine della fiera dovesse emergere che la molla decisiva è stata quella di una marea di soldi (garantiti per guidare la nazionale saudita con l’obiettivo di renderla presentabile in eventuali Mondiali da organizzare in casa), allora Roberto Mancini avrà perso l’occasione della vita di conservare un posto di rilievo nella storia del calcio italiano. Perché se così fosse, dell’uomo che ci condusse al trionfo europeo di Wembley e di una delle immagini sentimentalmente più forti degli ultimi trent’anni del nostro pallone – l’abbraccio con l’amico di sempre Gianluca Vialli – resterà solo il ricordo di chi non c’è più. Anche solo pensarlo fa male, ma non amiamo l’ipocrisia. Se l’uomo che seppe commuovere un intero Paese – ricomponendo quella coppia di ragazzi a cui siamo tutti legati – non comprende la differenza fra la Storia e i parvenu, allora è meglio che se ne stia a contar milioni. E qui lasciamo Roberto Mancini alle sue decisioni, per dedicare un ulteriore pensiero alle intemerate saudite. Chiamateci ingenui, inguaribilmente romantici, vecchi e pure scaduti, ma continuiamo a pensare che nessun bonifico cosmico potrà rimpiazzare la forza del cuore e delle passioni. Siamo cresciuti spasimando per le nostre squadre, sognando di vederle giocare (e vincere) contro i miti di questo sport così semplice e meravigliosamente elementare. Sognare, per noi, significa immaginare il giorno in cui le nostre piccole squadre del cuore potranno sfidare il Real Madrid o il Manchester United, il Bayern Monaco o il Milan. Interpretando quel sogno che accarezzavamo da bambini quando piazzavamo due cartelle e il cortile si trasformava nell’Azteca di Città del Messico. Cosa diavolo mi potrà mai dire una partita dell’Al non mi ricordo cosa contro un altro Al (peraltro di proprietà dello stesso padrone)?! Pensare sul serio che la differenza la faccia un Ronaldo o un Neymar – gente senz’anima – significa non aver capito niente del calcio. Non averlo mai vissuto sul serio, non ricordare cosa significhi aver sentito raccontare di Pelé, George Best, Alfredo Di Stefano, Ferenc Puskas, Peppin Meazza, Valentino Mazzola, Roberto Baggio, Garrincha, Paolo Maldini, Francesco Totti, Johan Cruijff, Diego Armando Maradona. Non sono nomi a caso, sono nomi di calciatori che di soldi ne hanno guadagnati (e non di rado sperperati) a vagonate, ma hanno soprattutto attraversato e interpretato i loro tempi. Contribuendo a plasmarli. Gente per cui le maglie del club e della Nazionale erano una pelle, un pegno d’onore. E quello non ha prezzo.   di Fulvio Giuliani

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Chi è Anna Kalinskaya, la nuova fidanzata di Sinner

27 Maggio 2024
“Sì, sto con Anna Kalinskaya”. Jannik Sinner è di poche parole – e questa non è certo una novità…

Roland Garros, Eubanks ko in 3 set e Sinner avanza al 2° turno

27 Maggio 2024
Esordio vincente per Jannik Sinner al Roland Garros, seconda prova stagionale del Grande Slam, s…

La bella domenica italiana

27 Maggio 2024
Il trionfo di Charles Leclerc e della Ferrari a Montecarlo, la Ducati in MotoGP con Pecco Bagnan…

Charles trionfa a casa sua. Montecarlo è Rossa!

26 Maggio 2024
Charles Leclerc ha vinto da predestinato. Si è piazzato in testa dal primo giro, ha centrato la …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI